Raffaella Cortese 3093 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/01/2019
David Bowie è stato nominato dal pubblico del Regno Unito il più grande entertainer del XX secolo
19/01/2019
L’Urlo di Munch in bianco e nero, arriva a Londra
18/01/2019
Daniel Pennac non è gradito a Empoli: polemica per l'invito dello scrittore francese che difese Cesare Battisti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Raffaella Cortese

   
   
 
Raffaella Cortese
pubblicato

Sinceramente non ho trovato "Viva Arte Viva” quella che si potrebbe definire una "bella mostra”. Sono entrata nelle due sedi del Padiglione Centrale e all'Arsenale senza aver "studiato” precedentemente, perché in queste occasioni preferisco scoprire l'esposizione di impatto, libera da sovrastrutture.
Peccato perché avevo buone aspettative, e invece mi è sembrato evidente di essere al cospetto di una mostra poco strutturata e per certi aspetti molto decorativa, dove anche alcuni autori molto forti sembrano perdere potenza, con il risultato di una svalutazione di opere e concetti. 
Come gallerista, inoltre, mi pare anche che queste "riscoperte” seguano il trend che le fiere portano avanti da anni, con una differenza: in un kermesse come la Biennale non si può risolvere la complessità di un artista che si vuole "ritrovare” mettendolo in un angolo o dedicandogli una parete, come avviene in uno stand: sarebbe necessario, quantomeno, dare spazio, approfondire. Fare una mostra.
E ribadisco, mi spiace: avevo riposto fiducia anche nell'energia di una curatela femminile e invece, in alcuni passaggi, ho rilevato anche dei grossolani errori nell'allestimento. Peccato.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram