Le prime fotografie a colori della storia 3130 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Le prime fotografie a colori della storia

   
   
 
Le prime fotografie a colori della storia
pubblicato

Nel 1907 i fratelli Auguste e Louis Lumière rivoluzionarono la storia della fotografia con l’invenzione dell’autocromia, un procedimento che permetteva di ottenere immagini a colori tramite una soluzione a base di un comunissimo ingrediente: la fecola di patate. Su una lastra fotografica di vetro venivano applicati grani di fecola tinti di blu, rosso o verde che creavano un filtro al quale si aggiungeva un’emulsione sensibile. Una volta esposta alla luce, la lastra restituiva una diapositiva a colori. Il processo non era dei più semplici, ma ebbe molto successo, e in breve tempo si diffuse dalla Francia fino agli Stati Uniti. Ma lo sviluppo della fotografia non si arrestò e nel 1935 la Kodak introdusse una tecnologia più pratica e veloce, la Kodachrome, che sostituì per sempre l’invenzione dei fratelli Lumière. Ecco una selezione di autocromie scattate tra il 1908 e il 1925, che ci mostrano il mondo a colori di più di 100 anni fa. (NG)

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram