Fino al 22.VII.2017 - Maurizio Nanucci, What to see and what not to see - Galleria Fumagal... 3041 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 22.VII.2017
Maurizio Nanucci, What to see and what not to see
Galleria Fumagalli, Milano

   
  jacqueline ceresoli 
 
Fino al 22.VII.2017 - Maurizio Nanucci, What to see and what not to see - Galleria Fumagalli, Milano
pubblicato

Maurizio Nanucci (1939) fa luce sul modo di percepire l’arte con un raffinato intervento testuale nell’ambito di una mostra personale intitolata "What to see and what not to see” ospitata alla nuova Galleria Fumagalli a Milano, inaugurata  nel maggio del 2016, dove 5 nuove grandi opere a muro site-specific dialogano con lo spazio, diverse per colori  e attitudini cognitive e visive. L’artista toscano lo si riconosce per installazioni al neon minimali, opere che compongono parole, frasi, segni, interrogativi che ruotano intorno all’ambivalenza della percezione e al nostro modo di rapportarci con gli altri, con l’intenzione di modificare  il nostro modo di pensare. La collaborazione tra Nanucci e la galleria Fumagalli inizia nel 2004 a Bergamo con la partecipazione alla mostra "AA.VV 30” seguita nel 2005 dalla personale "Neon Work”, riprende con questa imperdibile mostra per contenuti e modalità di allestimento e di rappresentazione di domande aperte, di quelle che pensi ma a cui non sai rispondere in maniera categorica. L’artista rigorosamente concettuale, dopo la grande antologica tenuta a Roma nel 2015, con questa mostra milanese conferma la sua  capacità di perimetrare lo spazio con il neon, attuando  una permutazione  tra il visibile e l’invisibile, il segno e il significato, la suggestione e l’immaginazione riesce a  intrecciare  l’aspetto analitico con  quello creativo, rendendo visibile quel sotteso che non si vede!  

null
Maurizio Nannucci, What to see What not to see, Installation view, Galleria Fumagalli Milano, Maggio-Luglio 2017. Courtesy l’artista e Galleria Fumagalli Milano. Ph Antonio Maniscalco

Osservando in silenzio What to See and what not to see (blu), What to hear what not to hear (verde), What to feel what to love (rosso), What to say what not to say (giallo), What to feel what not to feel (bianco),  riflettiamo su cosa  vediamo,  diciamo, pensiamo,  percepiamo, su come tessiamo narrazioni immaginarie intorno a  questioni complesse su problematiche di comunicazione, visibilità linguistica e filosofica. Ogni opera è una parte per il tutto, ha la sua autonomia, ma è anche in stretto collegamento con le altre e ogni frase dialoga con le altre e scandisce lo spazio. Attraverso la luce e i colori i suoi lavori illuminano le pareti della galleria e sembrano "impaginare” lo spazio, dando forma a un flusso continuo di energia emanata dal neon. La necessità dell’autore è di ridefinire spazi altri da ciò che già si vede con scritture –sculture di luce, come se fossero incastonate dentro a una pagina bianca di chissà quale libro che custodisce verità linguistiche e filosofiche in cui la parola diviene architettura, struttura del vedere, che oltre a esprimere un concetto è anche una presentazione di una forma fisica, in cui il testo diventa ambiente. Per Nannucci il neon come altri medium (fotografia, proiezioni di diapositive, opere sonore, libri d’artista e multipli) indica potenziali narrativi, stati  esperienziali con l’intenzione di rimettere in discussione attitudini e concetti, evidenziando impercettibili dilatazioni di senso,  con il fine di  coinvolgere lo spettatore in un una nuova concezione del tempo e dello spazio, con una successione di pieni e di vuoti, di bagliori e di ombre creati dal neon fluorescente al fine di renderlo consapevolmente partecipe di un discorso  basato sul : "se penso  guardo”  come lume della coscienza. 

Jacqueline Ceresoli
mostra visitata il 3 maggio

Dal 3 maggio al 22 luglio 2017
Galleria Fumagalli,
via Bonaventura Cavalieri 6, Milano
Orari: da Martedì a Sabato dalle 11:00 alle 19:00
Info: www.galleriafumagalli.com 

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di jacqueline ceresoli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram