Andare per boschi, con Henri Thoreau e dieci artisti. Al via il progetto A Year in the woods 3131 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Andare per boschi, con Henri Thoreau e dieci artisti. Al via il progetto A Year in the woods

   
   
 
Andare per boschi, con Henri Thoreau e dieci artisti. Al via il progetto A Year in the woods
pubblicato

Ricordare Henri David Thoreau oggi, a duecento anni esatti dalla sua nascita. Parliamo di "A Year in the woods", un progetto promosso da Silvia Cini, Gino Gianuizzi ed Elisabetta Rattalino che, attraverso una piattaforma online, racconta e mette a confronto il lavoro di un gruppo di artisti e di critici, liberamente ispirati dal pensiero del filosofo e poeta statunitense. 
A partire da oggi, il sito è attivo e pronto per raccogliere le testimonianze dei primi dieci interventi che, a cadenza mensile, saranno realizzati dalla stessa Cini e da Gianfranco Baruchello, Fabrizio Basso, Stefano Boccalini, Emilio Fantin, Stefania Galegati Shines, Michael Höpfer, Claudia Losi, Anthony Schrag, Alan Sonfist e Luca Vitone. Un progetto artistico e multidisciplinare che nasce dal bisogno di una riflessione condivisa su tematiche d’attualità, in linea con il pensiero precursore di Thoreau, tra i precursori della ricerca dell’intima essenza dell’essere umano e anticipatore, nei suoi scritti, di quegli argomenti poi confluiti nelle teorie della decrescita e delle lotte ambientaliste. 
Silvia Cini ci racconta come A Year in the woods sia un progetto nato «In modo veloce e istintivo da una conversazione tra me e Gino Gianuizzi, in cui scherzando, visto che ero in quel momento bloccata su una sedia a rotelle, ironizzavo su uno dei testi centrali di Thoreau: "Camminare”. Nello scarto di poche battute mi sono resa conto che eravamo a un passo dal bicentenario. Controllando on line ho capito che non sarebbe stato ricordato, più che mai se si pensa alla sua contemporaneità nell'era Trump. L'idea di festeggiare questa personalità centrale e al contempo trasversale nella cultura americana, che ha influenzato dai beat a Cage, passando per Duchamp e creare un percorso al mese è nata in un attimo con gli artisti coinvolti, che scherzosamente chiamo "gli amici di primo grado", compagni storici di lavoro, con cui ci conosciamo da vent'anni, e con i quali è bastato quindi un giro di chiamate perché nascesse una struttura spontanea, orizzontale e non verticistica, proprio come la struttura di una pianta che a differenza di un animale può vivere indipendente in ognuna delle sue parti». Ed è questa solo la genesi di un progetto pronto a crescere ed espandersi e di cui, siamo sicuri, torneremo a parlare presto. Chi volesse saperne di più, può dare un’occhiata qui. (Leonardo Regano)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram