Con Eremi Arte, la strada dell’ascetismo porta nell’Abruzzo di Joseph Beuys e Celestino 5° 3159 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Con Eremi Arte, la strada dell’ascetismo porta nell’Abruzzo di Joseph Beuys e Celestino 5°

   
   
 
Con Eremi Arte, la strada dell’ascetismo porta nell’Abruzzo di Joseph Beuys e Celestino 5°
pubblicato

Ricordate quel momento in cui avete detto basta al logorio della vita moderna? In pochi secondi si è concretizzata la possibilità di una vita lontana dai ritmi e dai vincoli della città, dalla cappa di smog, dalla valanga di email, dagli appuntamenti incastrati al minuto. Soddisfatti, avete prenotato una sistemazione a Oodaaq, un banco di ghiaia di 15 metri nella punta estrema della Groenlandia settentrionale e, dopo aver spento il computer, state pensando a un messaggio da lasciare su WhatsApp, per avvisare parenti e amici stretti. Poi la sveglia del cellulare vi ha ricordato l’aperitivo delle 19. Sappiamo tutti com’è andata a finire ma questa volta potete riprovarci, senza arrivare a soluzioni così radicali. Perché Eremi Arte, manifestazione promossa dall’Accademie di Belle Arti de L’Aquila e a cura di Maurizio Coccia, Marco Cianciotta, Enzo De Leonibus, Silvano Manganaro, propone, dal 15 luglio, un percorso tra natura, arte e spiritualità, lungo sentieri cresciuti intorno a colline e vallate scandite da grotte e abbazie, complesse opere architettoniche oppure ripari frugali risalenti ai primi anni del cristianesimo, quando ortodossia ed eresia disquisivano sulle sfumature di significato di certi termini e l’ascetismo era uno stile di vita facilitato dall’assenza dei caricabatteria. E a rendere ancora più gradevole l’esperienza, le suggestioni dell’arte contemporanea, con Mario Airò, Vaughn Bell, Bianco Valente, Gianni Caravaggio, Alice Cattaneo, France Jobin, Moira Ricci, Lino Capra Vaccina, Capucine Vever e Guido Van Der Werve, che hanno interpretato le storie e le sensazioni di S. Giovanni all’Orfento, San Giovanni di Bisegna, Madonna del Cauto, Grotta Sant’Angelo, Bartolomeo in Legio, Grotta di San Domenico, San Martino in Valle, Madonna dell’Altare di Palena e l’Abbazia di Santo Spirito al Morrone, fondata da Celestino V, il Papa che "fece per viltade il gran rifiuto” e si ritirò in romitaggio. 
«Attraverso le pratiche artistiche è possibile dare vita a una rete di suggestioni e stimoli capaci di suscitare nei partecipanti al progetto e nei visitatori la rilettura del messaggio spirituale di questi Eremi, più o meno remoti», ha dichiarato Marco Brandizzi, Direttore dell’Accademia de L’Aquila e ideatore di Eremi Arte. E per questa seconda edizione non poteva mancare il riferimento a Joseph Beuys, che proprio in queste terre lavorò per lunghi periodi, tra la fine degli anni ’70 e fino alla scomparsa, avvenuta nel 1986, arrivando, probabilmente, agli esiti più profondi della sua poetica di intma commistione tra l’opera dell’arte e della natura. "Don’t forget Joseph Beuys Operazione: Difesa della Natura”, mostra a cura di Giorgio D’Orazio, ripercorre il rapporto che l’artista sciamano strinse con il territorio abruzzese, con opere e una ricca sezione di documentazione. E non è finita qui, perché nel programma è prevista anche una giornata di studi sul tema dell’eremitaggio nella contemporaneità, con un simposio interdisciplinare tra filosofi, teologi, architetti, artisti. Magari questa volta vi convincono sul serio.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram