fino al 27.X.2002 - Glassway - Le stanze del vetro - Aosta, Museo Archeologico Regionale 3099 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/03/2019
Una nuova identità per l'ex Manifattura Tabacchi di Cagliari. 5mila euro al vincitore
23/03/2019
Un nuovo investitore per Wopart. Alberto Rusconi punta sulla fiera di Lugano
22/03/2019
Il Design Museum di Londra dedica una grande mostra a Stanley Kubrick
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 27.X.2002
Glassway - Le stanze del vetro
Aosta, Museo Archeologico Regionale

   
 Elemento guida di un itinerario trasversale nel tempo e nello spazio, il vetro è al centro di una vasta esposizione dedicata alla sua storia. Attraverso 400 opere dall'antichità sino alle nuove applicazioni tecnologiche… Roberto Sommariva 
 
pubblicato
Se dovessimo cimentarci nel classico gioco delle “associazioni di idee”, metodo tanto caro al mondo della psicoanalisi, al solo sillabare della parola “vetro”, la nostra bocca pronuncerebbe: fragile, posacenere e bicchiere, e perché no: Murano.
Glassway cambia le prospettive.
Arte e artigianato si sposano vetrificandosi in trasparenze e in opacità sconosciute. Il vetro prende posizione si presenta elegante, rude, deciso, fragile, si trasforma si colora e gioca, è design, arte, passione, caldo e freddo, trasparenza, buio e soprattutto, antico e moderno. glassway
Le linee che si rispecchia nel virtuale angolo d'incidenza rivelano nuove sfaccettature di questo materiale. Un viaggio dove il corpo si abbandona sopra solidi smussati e lisci, per poi farsi incidere la coscienza in asperità messe a nudo dall’artista stesso. Incisioni indelebili che in un incosciente abbandono si nutrono di un oggetto comune che ora diventa degno di contemplazione. Dove non c’è il tempo per sentire freddo e dove il calore è solo il mezzo per plasmare quel riverbero accecante che abbiamo dinnanzi.
La mostra si snoda in dieci sezioni (natura, acqua, corpo, Oriente, sacro, fantastico, quotidiano, gioco, geometria e frammento).
Numerosi gli artisti presenti che si avvicinano a questo godurioso banchetto. Si segnalano tra i tanti, Carlo Scarpa, Alfredo Barbini, Alvar Aalto, Flavio Poli, Stanislav Libensky, Jaroslava Brychtova, Dale Chihuly, Yoichi Ohira, Richard Vallier, Lino Tagliapietra, Gaetano Pesce ed Ettore Sottsass.
Chen Zhen racconta la caducità e la fragilità del corpo umano, mentre Spoerri rende monumentale una tavola miserabilmente imbandita. Win Delvoye e Corrado Bonomi inscenano il paradosso del gioco, 25115costruendo racchette mosaicate e un meccano di cristallo. Omar Galliani si cimenta in un “ready made rettificato”, riproducendo in tre dimensioni un antico dipinto di Raffaello.
E poi il trionfo delle celebrità. Apre le file quella che si può definire l'instancabile operaia dell'arte, Louise Bourgeois, l'ormai catodico Arman, il celebrato Giò Pomodoro, per poi passare di fronte al sorriso sornione di Duchamp e all’eterno Man Ray che insieme a Zorio, Dynys, Camerani nonché un certo Fontana sottolineano l’alto profilo di questa bella mostra.
Il progetto di Glassway prosegue e si sviluppa attorno alla collezione di vetri romani rinvenuti nelle necropoli della Valle d’Aosta. A questo nucleo si aggiungono due pregevoli vetrate istoriate recentemente restaurate provenienti dalla Cattedrale di Aosta.
C’è qualcosa di magico in questo lungo percorso allestito all’interno del Museo Archeologico regionale di Aosta. C’è il tempo di sorridere (stanza dei giochi) e di pensare. Il tutto è rivestito da un silenzio vorace e contemplativo capace di catturarci anche ore. Bene, bravi, e soprattutto, bis!

articoli correlati
Silvia Levenson insegna l’arte della fusione del vetro

roberto sommariva


Glassway. Le stanze del vetro. Dall’archeologia ai giorni nostri
Museo Archeologico Regionale, Piazza Roncas, 1 - Aosta
dal 14 giugno al 27 ottobre 2002
Orari: tutti i giorni, ore 9-19
Ingresso: intero € 6; ridotto € 4. Cumulativo con le mostre Michele De Lucchi:DOPOTOLOMEO e Carlo Carrà. Il realismo magico degli anni Venti: intero € 8,50; ridotto € 5,50
Curatori: Giuliana Cunéaz (Coordinamento), Patrizia Framarin e Rosanna Mollo (Archeologia), Rosa Barovier (XVI – XX secolo), Maurizio Sciaccaluga (Arte Contemporanea)


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Roberto Sommariva
vedi calendario delle mostre nella provincia Aosta
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alvar Aalto, Carlo Scarpa, Carrà, Chen Zhen, Corrado Bonomi, Duchamp, Ettore Sottsass, Gaetano Pesce, Giò Pomodoro, Giuliana Cunéaz, Lino Tagliapietra, Louise Bourgeois, Man Ray, Maurizio Sciaccaluga, Michele De Lucchi, Omar Galliani, Raffaello, Silvia Levenson, Spoerri, Yoichi Ohira, Zorio
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram