Dosazucchero 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
10/12/2018
Judy Chicago e Max Mara insieme, per una t-shirt a edizione limitata
10/12/2018
Babbo Natale in manette e Banksy non autorizzato. Due murales di TvBoy compaiono al MUDEC
10/12/2018
Il Premio Fabbri si apre alla fotografia. Ecco i vincitori della sesta edizione
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Dosazucchero

   
   
 
Dosazucchero
pubblicato

Ci sono degli oggetti che ormai siamo abituati ad usare ogni giorno e così poche volte ci domandiamo la loro storia o ci chiediamo chi è stato l’uomo che li ha pensati per primo! Oggi quindi raccontiamo la parabola del dosazucchero, quel contenitore con una specie di cannuccia inserita al suo interno, che ci permette ogni volta, di controllare la quantità di zucchero che ne esce. Ad usarlo tutti i giorni sembra semplice, quasi una banalità. Ma non è stato sempre così! Era dal 1917 che gli americani cercavano di inventare un dosatore igienico e preciso da utilizzare in tutte le tavole calde ed i bar del paese. Ne uscirono fuori strane e bizzarre versioni, ognuna con la sua qualità, ognuna con il suo punto debole. Bisognerà attendere il 1956 perché la soluzione perfetta venisse trovata. E non fu neanche un americano a scovarla ma il signor Theodor Jacob, di Hanau, in Germania, inventore di professione. Nella sua richiesta di brevetto Jacob aggiunse una breve nota, quanto mai profetica per il futuro del marketing: <La superficie esterna può essere utilizzata anche a scopi pubblicitari>.

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram