Fino al 31.VIII.2017 - Rafa Munārriz. Sulla curva chiusa - Galleria Macca, Cagliari 3106 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
21/04/2018
Il Carillon di Olaf Nicolai, a maggio al Museion di Bolzano
21/04/2018
Triennale di Milano. Presentati il nuovo direttore e i quattro curatori di settore
20/04/2018
La metropolitana di New York e Spotify omaggiano David Bowie, con i ticket da collezione
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 31.VIII.2017
Rafa Munārriz. Sulla curva chiusa
Galleria Macca, Cagliari

   
  Chiara Manca 
 
Fino al 31.VIII.2017 - Rafa Munàrriz. Sulla curva chiusa - Galleria Macca, Cagliari
pubblicato

La pista č la mia tela. La mia auto č il mio pennello.
(Graham Hill)

Il giovane artista spagnolo Rafa Munārriz (Madrid, 1990) espone, per la prima volta, in Italia una piccola selezione di opere della sua pių recente produzione, nate, come sempre, dall’osservazione costante, discreta e impercettibile della realtā.
La mostra alla Galleria Macca di Claude Corongiu, a cura di Marta Ramos-Yzquierdo, prende il nome da una serie di quindici disegni a matita: Desde la curva cerrada (nella foto in homepage) che, partendo dalla struttura del circuito di Formula1 di Interlagos a San Paolo del Brasile, sgancia, apre e dischiude la linea curva, fino a renderla quasi una retta. Questa serie, metafora della trasformazione della societā e del singolo, accompagna il pubblico lungo tutto il percorso espositivo. L’osservatore č al centro del circuito e, da sinistra a destra, si trova a girare in tondo dentro un recinto che si apre su un unico sbocco, una via d’uscita dal circolo: la videoinstallazione proiettata in loop Trayecto infinito di Interlagos, ripreso da due punti di vista che dā la netta sensazione di percorrere in rettilineo una strada aperta e non trafficata proiettata verso l’infinito. Un respiro di libertā che svincola dal senso di oppressione e di chiusura del confine. Un pensiero volto anche all’insularitā, dove il "perimetro dell’isola diventa il perimetro del circuito”, alla barriera che il mare crea e alla possibilitā di attraversarlo per guardare a nuovi spazi. Munārriz apre il cerchio, invita alla scoperta, alla sperimentazione, abbatte il muro e supera il limite, non con la fragorosa velocitā della macchina da corsa, ma con il lento e silenzioso mutamento della barriera nel percorso.
Rafa Munārriz, dalla serie di quindici disegni a matita
La strada non č pių il margine, ma diventa essa stessa lo spazio vitale, la via da seguire, un viaggio di perlustrazione che porta alla rottura con le convenzioni e costrizioni sociali che limitano la libertā di espressione e crescita degli individui, verso una destinazione ancora da scoprire.
Uscire dallo schema, iniziare un nuovo percorso, rivoluzionare il punto di vista e guardare l’orizzonte, aprirsi, č lo stimolo al cambiamento che necessariamente conduce al progresso e verso il futuro.
Lo sguardo di Munarriz č, perō, anche rivolto al passato, ai teatri greci, antenati dei circuiti odierni e, nello specifico, all’anfiteatro romano di Cagliari, omaggiato dalle tre sculture in cemento bianco, con base di cristallo nero, Anfiteatro (nella foto in alto), realizzate dall’artista durante la sua permanenza nella cittā sarda.

 

Chiara Manca
mostra visitata il 20 luglio

Dal 20 luglio al 31 agosto 2017
Rafa Munārriz. Sulla curva chiusa
Galleria Macca
via Lamarmora 136, Cagliari
info: www.galleriamacca.com / claude@galleriamacca.com

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Chiara Manca
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 
trovamostre
@exibart on instagram