Fino al 16.IX.2017 - Eva Hide, Dad is God - Traffic Gallery, Bergamo 3128 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 16.IX.2017
Eva Hide, Dad is God
Traffic Gallery, Bergamo

   
  Francesco Paolo del Re 
 
Fino al 16.IX.2017 - Eva Hide, Dad is God - Traffic Gallery, Bergamo
pubblicato

Una grande installazione cinetica è il polo d’attrazione della seconda personale del duo Eva Hide, dopo un esordio a Bari nel 2014: un totem accosta l’alta definizione di ex voto sessuali, realizzati in lucida maiolica dipinta (nella foto in homepage e in alto), alla bassa definizione degli altri elementi che concorrono a comporlo, in un collasso di registri estetici differenti. Una struttura di travi di legno non verniciato, figlia di un bricolage sfacciato e senza ambizioni estetizzanti, si pone al centro dello spazio carica di vistosi pezzi di carne offerti al pubblico, appesi a fili neri come avanzi di marionette scomposte: piedi, seni, peni, un addome, un orifizio anale. Una struttura aliena e arcana, evocatrice delle offerte negli antichi santuari dedicati ai culti di divinità ctonie che si credeva potessero esercitare poteri di guarigione.
Fontana, 2017. Maiolica dipinta e materiali vari, dimensioni ambientaliÈ una "Fontana” anti-duchampiana – perché non risignificata a partire da un ritrovamento casuale e ma dettagliatamente costruita – nella quale un semplice tubo di plastica gialla fa fuoriuscire un fiotto d’acqua da un organo genitale maschile. A raccogliere il getto è un bidone nero, all’interno del quale il tubo stesso attinge in un moto di riciclo perpetuo dell’acqua. Nel bidone è collocato il simulacro di un organo genitale femminile, in un esplicito discorso sulla differenza e sulla violenza di genere, tanto crudo nella sua carnalità quanto intriso di un sognante surrealismo che ricorda, nella ricomposizione di uno smembramento, le bambole di Bellmer. Non è in alcun modo un’operazione concettuale, calligrafia di un fine intellettualismo ammantata di un alone sacro alla Luigi Ontani, ma un’opera dolente e leoncillianamente somigliante a un Sebastiano senza santità oppure a una laica crocefissione, che impasta la terra plasmata e smaltata alla sofferenza della carne nutrita del sopruso quotidiano. Albero della Cuccagna o forca d’impiccagione, foriero di reminiscenze nordiche, fiamminghe oppure di un simbolismo decadente o ancora di una macelleria alla Francis Bacon, questo Frankenstein potabile giganteggia nello stretto spazio della galleria e interpella il pubblico, chiamandolo ad attivare un qualche meccanismo di fruizione che non sia solo passivo incidente di visione. E il visitatore più sfacciato infatti beve, piegandosi fino a sfiorare quasi con le labbra il grande pene dal quale l’acqua esce, interrompendo il flusso. Questa "Fontana” è uno dei quattro interventi – tutti di sapore installativo e incentrati sul disequilibrio del conflitto insito nel rapporto padre-figlio – che compongono la mostra bergamasca, a cura di Ginevra Bria, di questo duo di artisti colti e barbari, schivi e rigorosi. In un’incongrua vetrinetta espositiva, trovano scomodamente posto le minute sculture in tecnicolor della serie "Why Children Steal”, spiazzanti accostamenti di elementi rassicuranti e terrificanti, innocenti e crudeli, in cui una sessualizzazione esplicita, esasperata, non priva di ironia e sarcasmo, racconta una solitudine contemporanea in un deserto di sentimenti avanzati da narrazioni altrui e naufragi di utopie. Nella cornice bambinesca di un teatrino in ceramica ornato di teneri orsacchiotti, si ripete in un loop lento e feroce "Hero”, un video amatoriale rubato in internet, ennesima incarnazione di un padre ferino che fuma e troneggia nella cornice di un gioco psicanalitico di voyeurismo e sottomissione, esibizionismo e comando, in continuo ribaltamento. Vera novità nella ricerca del duo, la serie di struggenti collage di immagini rubate dal web, in cui alto e basso si incontrano, morte e vita, trionfo e scempio, in una vanitas onnipresente che non sente il peso del suo millenario rispecchiarsi.

Francesco Paolo Del Re
mostra vista l’8 aprile 2017

Dall’8 aprile al 16 settembre 2017
Eva Hide – Dad is God
Traffic Gallery
via S. Tomaso 92 - 24121 Bergamo
info: T +39 035 0602882 - info@trafficgallery.org

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Francesco Paolo del Re
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 
trovamostre
@exibart on instagram