Che pacco l'infanzia! 3043 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
21/06/2018
Blu Submarine. Un video di 10 ore della BBC mostra la fluttuante vita degli oceani
20/06/2018
Quattro componenti per la nuova Commissione per il Sistema museale nazionale
20/06/2018
Fendi e Nico Vascellari ancora insieme, per la collezione maschile estate 2019
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Che pacco l'infanzia!

   
 Una notizia che sembra una bomba creata appositamente per dividere, nella ricca epoca di scontri in cui viviamo, i “buoni” dai “cattivi”, ancora una volta con l'oppio dei poveri a fare da scena  
 
Che pacco l'infanzia!
pubblicato

C'è da augurarsi di crescere in fretta, di questi tempi, e di farlo corazzati di idee e ribellioni proprie. C'erano una volta la religione dei "capelloni”, autarchica e descritta magistralmente anche da Pier Paolo Pasolini, e oggi – con l'apertura dei confini – i "capelloni” che non sentono ragioni sono, a giudizio di popolo, gli islamici che molto spesso si confondono con gli islamisti. E allora che succede se una bambina di cinque anni, cristiana non per scelta ma solo per imposizione (l'altro nome, e più efficacie del sacramento) di battesimo, finisce affidata a una famiglia in cui pare che le donne portino il velo? Succede un pandemonio, e tra la selva di commenti che sfila sui media quelli che lasciano più perplessi indicano la "mancanza di libertà” della piccola. 
Come se avesse potuto scegliere. Come se questo "pacco” di cinque anni che pare abbia anche una madre naturale non sia già stata completamente privata della libertà e passata, come un cagnolino al guinzaglio, da una parte all'altra. C'è di buono che a cinque anni, forse tutto questo pasticcio si potrà obliare. O forse no. 
Ma c'è anche da chiedersi, invece, se non sia il caso di "scandalizzarsi” anche per le vite di altri bambini, ovvero quelli nati nelle famiglie integraliste, per cui il velo non è un optional, per cui una promessa di matrimonio non è sulla base dell'amore, per cui le mutilazioni genitali non sono un una pratica erotica per occidentali perversi. Chi ci pensa alla libertà di questi pargoli? Troveranno il coraggio di seguire la propria strada, una volta adulti? Troveranno la forza di dire "basta” a certe imposizioni arcaiche come lo dissero, per certi versi, i nostri avi e prima ancora i rivoluzionari, i martiri della scienza bruciati dalla religione e dalla superstizione?
Ancora una volta, con il fatto della Gran Bretagna (che sembra somigliare sempre di più a un colabrodo xenofobo fomentato dalle scelte "europeoscettiche”) si guarda il dito che indica la luna: fa "scandalo” il fatto che una bambina sia stata affidata a "gente” non della stessa razza, e non il fatto che nella civile Londra ci siano probabilmente migliaia di bambini che, se potessero, sognerebbero di sterminarla la tanto agognata famiglia. 
Potrebbe succedere alla piccola in questione, o forse potrebbe succedere il contrario. E se a 18 anni, in un altro caso possibile, sognasse di abbracciare il Corano? E se una volta maggiorenne sognasse invece di scoprirsi il capo? E se fosse affidata a una famiglia di inglesi conservatori duri a morire pro-Brexit e magari pure un po' violenti?
Forse il problema non è più "la consegna del pacco” a una orrenda patria podestà, ma il fatto di imparare a lasciar vivere i propri figli. Stavolta sì, seguendo una modalità laica. Quella che, stando ai coloriti fatti inglesi, non ha perseguito nemmeno l'assistenza sociale. Cari bambini di tutto il mondo, fatevi forza. Poi passa. (MB)

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Manifesta 12 - Palermo - La guida con tutti gli eventi e non solo
trovamostre
@exibart on instagram