fino al 22.IX.2002 - Franco Fontana - Percorsi Alternativi - Milano, Galleria Carla Sozzani 3115 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 22.IX.2002
Franco Fontana - Percorsi Alternativi
Milano, Galleria Carla Sozzani

   
 Incontriamo il grande fotografo emiliano in occasione dell’antologica “Percorsi alternativi”. Spazialista surreale e minimale si racconta con 60 immagini che illustrano eccezionali vedute sui suoi differenti soggetti e percorsi visivi. Una intervista a Franco Fontana…  Tullio Pacifici 
 
pubblicato
Ci può spiegare il titolo della mostra?
Percorsi alternativi me lo ha suggerito mia moglie, io avevo pensato a caleidoscopio. In ogni caso vuole essere un omaggio a tutti i temi affrontati in quarant’anni di lavori, inoltre alcune delle foto non sono mai state esposte. Ho girato molti luoghi del mondo, FRANCO FONTANA zurigo 1981visto paesaggi e spazi vuoti, occorre guardare per vedere, e la superficie fotografata è un pretesto per andare oltre. Le immagini sono lì, e sono belle per chi le vede tali, negli occhi e nel cuore. Io ho sentito paesaggi immaginandoli colorati, regolari, ho girato città meravigliose dove la gente passeggia, le ombre si misurano con architetture classiche, moderne e contemporanee, ho ritratto nudi e corpi immersi in limpide piscine. Quindi, qui faccio il punto di una serie di percorsi che si riconoscono in un unico sguardo poetico, una visione magica del mondo di spazi non chiusi e mortali, ma aperti, netti, fatti di unità e differenze.

Nella prefazione a Skyline lei scrive che con la fotografia cerca la dimensione dello spazio, a suo parere alla base di tutto l’equilibrio della vita, quindi di ogni forma artistica. Questa visione metafisica raggiunge la vetta con le foto di Los Angeles New Dowtown, meta reale della Mother Road, la Route 66?
Sì, queste ultime immagini sono quelle decisive di una serie di visioni oniriche per piani contrapposti, regolari, in cui cancello per eleggere, in cui i tagli servono per mettere, un po’ il contrario di chi dipinge. E la route 66, la madre di tutte le strade come la chiamano loro, è un po’ il clou. Ho percorso le sue 2.248 miglia fotografando gli USA geografici che congiungono Chicago a Los Angeles; luoghi immensi ed eterogenei, probabilmente gli ambienti più adatti perché si sviluppasse un modo di guardare e un’arte pop. Bisogna vedere, girare l’America per rendersi conto che certe megacity sono culturalmente strepitose ma anche alienanti.
franco fontana piscina 1984
Le persone fermate al passeggio tra i grattacieli mi sembra esprimano visioni alternative del mondo a seconda di come le loro ombre e i loro corpi si stagliano in rapporto con le architetture. E’ d’accordo?
No, la gente non sta in questo tipo di relazione; lì certi spazi urbani sono come deserti, staccati da una considerazione che varrebbe tra i paesaggi europei come i nostri, più a misura. Sono perciò uomini isolati; se penso ai loro dopo party, quando si incontrano senza riconoscersi, la chiamerei solitudine di gruppo. Come fotografo chiedo loro di passare in quel momento, durante lo scatto, nient’altro che questo per me.

E’ plausibile immaginare l’acqua come un collante che trascina gli intenti poetici di presenzassenza ad incontrare quelli di piscine?
Si, sono d’accordo con questa ipotesi. Le serie possono essere guardate in contrapposizione, ombre contro materie, ma anche in una certa continuità. L’acqua può essere uno specchio liquido immobile che ridà un’immagine quasi intatta del corpo che sta fuori di essa, lo restituisce alla sua presenza materiale, oppure un elemento deformante che produce trasparenze, assenza, ombre, come gli effetti dei corpi immersi alla luce dei palazzi.franco fontana los angels

In un confronto tra tecniche, i lavori con la polaroid e quelli con l’ausilio del pc, come varia il prodotto del suo immaginario?
Le tecniche al pc rendono possibile l’impossibile in quel momento. Questa tazzina decorata, per esempio, ha una fascia di colori che ho realizzato per una combinazione che mi serviva, senza dover aspettare. Certamente potevo trovarli in natura, ma quando? Di fronte al vuoto, quando non c’è significato, le tecnologie ci danno quello che vogliamo, libertà sul tempo. Il computer fornisce licenza pittorica, mette dove non c’è, come dicevo prima. In ogni caso resto dell’idea che l’oggetto immaginato è artisticamente valido quando esprime potenze, originalità creative e qualità di chi lo inventa.

articoli correlati
exibinterviste ai fotografi. David LaChapelle
link correlati

Portfolio italiano Franco Fontana


tullio pacifici


Fino al 22/IX/2002
Franco Fontana Percorsi alternativi
Galleria Carla Sozzani
Corso Como 10 - Milano
Tel. 02.653531 - fax. 02.6592015
e-mail: info@galleriacarlasozzani.com> info@galleriacarlasozzani.com
orari: martedì, venerdì, sabato, domenica, ore 10.30 - 19.30
mercoledì e giovedì, ore 10.30 - 21.00
lunedì, ore 15.30 - 19.30
mostra a cura di Giuliana Scimé


franco fontana new yorkBio
Franco Fontana, nasce a Modena il 9 dicembre 1933. Comincia a fotografare nel 1961. La prima mostra personale è nel 1968, a Modena. Ha pubblicato oltre 40 libri con diverse edizioni italiane, giapponesi, francesi, tedesche, svizzere, americane e spagnole. Ha esposto in tutto il mondo in gallerie private e musei con oltre 400 partecipazioni tra collettive e personali. Le sue opere sono conservate in oltre 50 collezioni museali in tutto il mondo. Ha firmato tantissime campagne pubblicitarie tra le quali Fiat, Volkswagen, Ferrovie dello Stato, Sony, Volvo, Versace, Canon, Kodak, Snam, Robe di Kappa. Ha collaborato e collabora in redazionali con Time-Life, Vogue Usa e Vogue France, Venerdì di Repubblica, Sette del Corriere della Sera, Panorama, Frankfurten Allgemeine, Epoca, Class, NewYork Times. Ha tenuto work shops e conferenze a NewYork per il Guggenheim Museum, Institute of Tecnology di Tokyo, Accademia di Bruxelles, Università di Toronto, poi Roma, Parigi, Arles, Rockport, Barcellona, Taipei, Politecnico di Torino e molte altre città. E’ responsabile della direzione artistica del Toscana Fotofestival. Ha collaborato con Guggenheim Museum di NewYork, Centre Georges Pompidou, Ministero della Cultura Giapponese, Ministero della Cultura Francese.

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Tullio Pacifici
vedi calendario delle mostre nella provincia Milano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Carla Sozzani, Dem, Franco Fontana, George, Georges Pompidou, Giuliana Scimé, LaChapelle, Versace
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram