fino al 6.I.2003 - Arte all'Arte - Damián Ortega - Poggibonsi (si), Enopolio 3060 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 6.I.2003
Arte all'Arte - Damián Ortega
Poggibonsi (si), Enopolio

   
 E’ stata l’inaspettata protagonista della scena artistica. Dagli anni Sessanta ad oggi. La Coca Cola, dopo le sgocciolanti pitture di Schifano, torna alla luce sotto nuove spoglie... Silvia Bottinelli 
 
pubblicato
Centoventi bottiglie della bibita più bevuta al mondo si contorcono sulla nuda mensola dell’Enopolio di Poggibonsi. Sfilano in omaggio all’universo letterario di De Sade e all’interpretazione cinematografica pasoliniana delle sue 120 Giornate di Sodoma.
Colli annodati, allungati, segati; pance allargate, bucate, penetrate. E’ opera di Damián Ortega. Anzi, è l’opera di Damián Ortega, giovane artista messicano coinvolto nell’edizione 2002 di Arte all’Arte. Damian OrtegaRibelliamoci pure. Perché proprio la Coca Cola in un luogo associato al vino locale, schietto e orgoglioso? Le bottigliette sono là, in fila, esposte come sugli scaffali di un vecchio negozio. Ma non hanno niente a che vedere con la tradizione.
Il provocante sarcasmo di Ortega non si smentisce. Come sulle mensole dei nostri supermercati, anche qui domina la forza del marchio. Coke : una sicurezza per il consumatore. Un appiattimento qualitativo. Nell’installazione di Poggibonsi, l’artista si diverte a depauperare le bottiglie di tutto il loro potere comunicativo. Perdono riconoscibilità, si deformano e si trasformano. Diventano addirittura belle: nella limpidezza del materiale, nelle rotondità delle forme, nelle interazioni tra i singoli pezzi. E’ la sapienza degli artigiani del cristallo della zona ad averle forgiate, in un autentico cortocircuito tra “global” e “local”. Finalmente. Un intervento minimo e fragile si carica di una sferzante portata politica.
Il colonialismo economico - culturale di stampo americano è del resto sempre nel mirino, per Damián. Il suo fare artistico non è fine a se stesso, ma una voce nel contesto internazionale. Basti pensare al suo Damian OrtegaInternational Carbon Sequestration Common Air Project , con cui lancia l’idea di far ripagare alle aziende inquinanti il costo ambientale delle emissioni di anidride carbonica, investendo i ricavati in foreste e piante. Un’operazione sulla scia dei dibattiti mondiali sul cambiamento climatico.
Ortega non è un attardato imitatore del “Pop” anni Sessanta. Si muove sulle orme dell’attivismo di Diego Rivera o Frida Kahlo , sui impegnati ed illustri connazionali. Con la coscienza, però, di un avvenuto cambiamento linguistico e di contenuti. Ortega individua oggi nuovi obiettivi da combattere. La sua arma efficace: cambiare i connotati al logo vincente. Con corrosiva ironia.

articoli correlati
Arte all'Arte 2002 - Cildo Meileres
Arte all'Arte 2002 - Tacita Dean
Arte all'Arte 2002 - intervista alla curatrice

silvia bottinelli
vista il 15 settembre 2002


ENOPOLIO, via borgaccio, a cura di emanuela de cecco e vicente todolì, info@artecontinua.org , 0577 907157

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Silvia Bottinelli
vedi calendario delle mostre nella provincia Siena
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Damián Ortega, Diego Rivera, Emanuela De Cecco, Frida Kahlo, Pasolini, Schifano, Silvia Bottinelli, Tacita Dean, Vicente Todolì
 

1 commento trovato 

29/09/2002
Paolo, Empoli
A giudicare dalle foto, sicuramente più bella ed evocativa la bottiglia originale,non credo che andrò a vedere queste schifezze.

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram