L’arte dietro allo sportello 3054 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
18/07/2019
Banksy è ufficialmente l’artista più amato di tutti i tempi dagli inglesi
18/07/2019
Un uomo ha appiccato un incendio in uno studio di animazione giapponese. Almeno 20 morti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

L’arte dietro allo sportello

   
 In banca per scoprire tesori nascosti, saloni decorati, interni monumentali, quadri, sculture, collezioni mai viste. Succede sabato 21, quando aprono gli edifici storici di proprietà degli istituti di credito. Un invito a palazzo davvero fuori del comune. Ma solo per un giorno... Maria Cristina Bastante 
 
pubblicato
Lo sportello bancario più alto d’Europa è circondato dalla neve, a quota 2760 metri sul livello del mare. Ma ce n’è uno anche alle pendici dell’Etna, in una palazzina fin de sieclé, curioso tentativo di innestare eleganze e slancio verticale in un edificio che è irrimediabilmente basso per colpa del rischio sismico.
Sabato 21 settembre sarà aperta al pubblico sia la sede della banca Popolare di Sondrio , al Passo dello Stelvio (di cui parlavamo in apertura) che quella della Banca Agricola Popolare di Ragusa a Palazzo Cantarella... e non solo: per un giorno un centinaio di edifici storici - sedi di rappresentanza o semplicemente invito a palazzo_passo dello stelvioproprietà degli istituti di credito che aderiscono all’iniziativa - apriranno le porte ai visitatori; un vero e proprio Invito a Palazzo promosso dall’ABI, per rendere visibile un patrimonio sommerso, salvaguardato – sicuramente - ma normalmente celato, non accessibile.
In banca solitamente si va per cambiare assegni, fare versamenti, chiedere un mutuo e così via (...) sabato 21 settembre non sarà così. Accettando il nostro invito, infatti, in molte città italiane i cittadini potranno entrare liberamente nei palazzi dove ogni giorno si svolgono le varie attività connesse al lavoro della banca, per ammirare uno straordinario scorcio di patrimonio dell’arte e della cultura italiana ha detto il presidente dell’ABI, Maurizio Sella spiegando un’iniziativa che ha tanti precedenti in Europa ed un immediato modello in Italia, con le giornate del FAI. Ed ha ragione ad essere orgoglioso di un itinerario così fuori dal comune: a tracciare una mappa dei palazzi delle banche si copre quasi tutto il territorio nazionale ed in termini di stile ce n’è per tutti i gusti, dalla particolarità del museo formato chalet – dedicato a Carlo Donegani e ospitato nella sede alpina della banca di Sondrio – all’antico castellare, che fu della famiglia Salimbeni e che adesso ospita il Monte dei Paschi di Siena (siamo a Siena ed il complesso che è sede della più antica banca del mondo, comprende anche Palazzo Spannocchi e Palazzo Tantucci), alla Bipielle City (foto qui sotto) di Lodi, costruita si progetto di Renzo Piano.
A Roma – tra gli altri - bisserà l’apertura straordinaria (speriamo con meno inconvenienti organizzativi rispetto allo scorso anno) bipielle cityPalazzo Altieri, fresco di restauro, Palazzo de Carolis e Palazzo Verospi, in zona via del Corso, sede della BNL a via Veneto: progettata da Marcello Piacentini traducendo il Rinascimento nelle linee ortogonali del rigore razionalista; all’interno conserva una serie di tesori, segnaliamo una Santa Francesca Romana dipinta dallo Spadarino con toni malinconici e chiaroscuro caravaggesco.
Si può entrare dalle 10 e fino alle 17 (l’ingresso è gratuito, in molti palazzi c’è la possibilità di seguire una visita guidata) per scoprire quadrerie, collezioni di statuaria, arredi d’epoca, cicli ad affresco, arazzi: tanta magnificenza nel costruire palazzi e nel decorarne gli interni serviva a perpetuare il nome di quelle famiglie che hanno fatto la storia. Il potere – però – lo hanno sempre finanziato più o meno direttamente i banchieri ed è stato - a lungo termine - forse, il più proficuo degli investimenti.

articoli correlati
restaurato palazzo Altieri a Roma
un weekend per l’arte: le giornate FAI di primavera
A.A.A... monumenti d’Italia vendesi

maria cristina bastante


Invito a Palazzo – visita ai palazzi delle banche
21.IX.2002 ingresso gratuito, ore 10-17, www.abi.it, numero Albacom per informazioni 840706783


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Maria Cristina Bastante
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Marcello Piacentini, Renzo Piano
 

1 commento trovato 

23/09/2002
daniela, roma
L'iniziativa è ammirabile: profondi ringraziamenti all'ABI, che ha dimostrato una certa sensibilità verso il cittadino "medio", che altrimenti non ha alcuna possibilità di ammirare i tesori "nascosti" delle banche ... che sono veramente tanti e notevoli.
A Roma, la BNL, con la sua organizzazione, ha superato di gran lunga tutti gli altri istituti, mettendo a disposizione tutto un apparato di accoglienza impeccabile, compreso un servizio di guardaroba con hostess gentilissime, e un servizio di guide, con preparatissimi storici dell'arte, muniti di apparato auricolare per agevolare l'ascolto della visita guidata. E' senza dubbio l'Istituto più ricco di capolavori, e menzionare solo lo Spadarino, mi sembra riduttivo di fronte a Lotto, Afro, Tranquilli, Schifano, Antiveduto Grammatica, Baglione, Barocci, come riduttivo è non menzionare la collezione dei "cinquanta artisti" contemporanei, che hanno avuto la commissione dalla stessa BNL di "rappresentare" Roma, come un omaggio alla città: iniziativa che si è ripetuta per due volte, con artisti diversi.
Seguono per l'organizzazione e la preparazione delle guide, Palazzo Altieri e Palazzo Verospi.
Chi ne ha risentito maggiormente per una organizzazione non molto attenta, è stata la sede del Banco di Sicilia, che purtroppo ha pagato gli errori di una pianificazione "a distanza": gli organizzatori di Palermo molto probabilmente non avevano ben chiaro quello che può significare aprire un così importante palazzo a Roma. Deludente è stato Palazzo de Carolis: i visitatori, lasciati a se stessi, si sono visti negare la possibilità di poter ammirare il "pezzo forte" del palazzo: la scala progettata dallo Specchi. Piccolo gioiello è la cappella del Monte di Pietà che, seppur senza nessuna guida o apparato di accoglienza, ha distribuito una piccola guida di ottima qualità, sia per l'accurata ricerca storico-artistica, che per la stampa, con moltissime immagini a colori.
Nonostante i piccoli e scontati inconvenienti di una simile iniziativa di così grande portata, l'"invito a palazzo" è stato enormemente apprezzato ... con la speranza che non rimanga isolato.


Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram