fino al 17.XI.2002 - Gabriele Basilico – Salvo. Paesaggio contemporaneo - Bergamo, Galleri... 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/07/2019
Banksy è ufficialmente l’artista più amato di tutti i tempi dagli inglesi
18/07/2019
Un uomo ha appiccato un incendio in uno studio di animazione giapponese. Almeno 20 morti
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 17.XI.2002
Gabriele Basilico – Salvo. Paesaggio contemporaneo
Bergamo, Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea

   
 150 fotografie di Gabriele Basilico e 100 dipinti di Salvo. Un interessante confronto tra due stili diversi, due modi di percepire e riflettere la realtà contemporanea e i luoghi quotidiani dell’abitare… Cinzia Tedeschi 
 
pubblicato
Il paesaggio contemporaneo liberamente interpretato attraverso due differenti esperienze creative, quella fotografica di Gabriele Basilico e quella pittorica di Salvo, è il protagonista dello stimolante “dialogo” che si svolge alla Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo.
La mostra intende infatti dare il suo contributo ad un’antica tematica cara alla storia dell’arte: la rappresentazione dell’ambiente circostante inteso come teatro dell’umanità, spoglio però, in questo caso, proprio dell’elemento umano.Gabriele Basilico BERGAMO
Lo vediamo nelle fotografie in bianco e nero di Gabriele Basilico (Milano, 1944) che ritraggono architetture moderne squadrate ed alienanti, “non luoghi” spogli che contrastano con gli edifici coloratissimi, a tratti psichedelici protagonisti delle tele di Salvo.
All’ingresso e al primo piano della Gamec è esposta una significativa parte della ricchissima produzione di Salvo (Leonforte, Enna, 1947): il leit motiv delle 100 tele in mostra è costituito da elementi architettonici (case, chiese, edifici storici, templi antichi e moschee) immersi in paesaggi silenziosi dai colori acidi. Gli edifici sono schematici e delineati attraverso linee essenziali: non ci sono elementi decorativi o tracce di presenza umana: essi sono quasi “idee”, archetipi di luoghi antichi e moderni immersi in una luce a volte calda, a volte notturna. Diventano quindi espressione simbolica del tema centrale della ricerca dell’artista, ossia la volontà di esprimere il rapporto fra antico e moderno, fra innovazione e tradizione, nella reinterpretazione del presente attraverso il passato: evidenti sono anche a livello stilistico i richiami alla metafisica di de Chirico, alla pittura di Giorgio Morandi o di Carlo Carrà .
Si prosegue con il piano dedicato interamente alle fotografie di Gabriele Basilico: quattro cicli di immagini che rappresentano altrettante realtà sociali ed urbane. Si tratta di Berlino, Milano, Valencia e Bergamo (queste ultime fotografie, visibili per la prima volta, sono state donate alla Gamec su concessione dell’artista), di cui Salvo UNA SERA 1999 olio su telavengono ritratti in bianco e nero gli angoli più caratteristici, ma anche anonimi ed inquietanti.
Un’azione documentaria della realtà urbana ed extraurbana di quei luoghi dove l’architettura ortogonale del moderno si è fatta anonima, disegnando non l’unicità ma la generalità del paesaggio del nostro tempo, come sostiene il curatore Giacinto Di Pietrantonio. Uno stile documentario, quindi, che si arricchisce di una nuova sensibilità, spunti originali che conferiscono un volto nuovo, un’identità diversa a città che magari pensavamo di conoscere e padroneggiare, ma che in realtà cambiano aspetto, come organismi in continua evoluzione.
In definitiva, è ancora possibile al giorno d’oggi rappresentare il paesaggio, trovando nuovi ed originali significati? Una domanda a cui questo confronto serrato tra fotografia e pittura può, forse, dare una risposta.

articoli correlati
La personale di Basilico a Torino
Salvo, uno dei protagonisti della figurazione italiana
link correlati
Il sito della Gamec

cinzia tedeschi
mostra visitata il 17 settembre 2002


Gabriele Basilico – Salvo. Paesaggio contemporaneo
Dialoghi tra fotografia e pittura. Gamec, via San Tomaso 53, Bergamo
Orari: mar. – dom. 10-19; gio. ore 10-22; chiuso il lunedì
Biglietti: intero € 3; Gratuiti: bambini, studenti scuole elementari, medie e superiori, studenti universitari (Lettere e Filosofia, Architettura, Beni Culturali, Dams, Scienze della Comunicazione, Accademie, Scuole di Design e Comunicazione Visiva). Informazioni e prenotazioni visite guidate: 035/399529, e-mail: info@gamec.it; Catalogo Lubrina Editore 10€ in mostra, 15€ in libreria. Testi Giacinto di Pietrantonio, Gabriele Basilico, Salvo


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Cinzia Tedeschi
vedi calendario delle mostre nella provincia Bergamo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Carrà, De Chirico, Dem, Gabriele Basilico, Giacinto di Pietrantonio, Giorgio Morandi
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram