Christie's pensa italiano 3110 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Christie's pensa italiano

   
   
 
Christie's pensa italiano
pubblicato

Grande festa ieri sera a Milano, nella prima preview d'asta della stagione. In scena una serie di tesori italiani, da Christie's, nella sede di Palazzo Clerici. Il "titolo”? "Thinking Italian”, ovvero i lotti della tradizionale Italian Sale che si terrà, come di consueto, a Londra durante la settimana di Frieze, a partire dal prossimo 8 ottobre.
In scena? Grandi, grandissimi, classici da Lucio Fontana ad Alberto Burri, dai meno tradizionali – se così si può dire – Franco Angeli e Mario Schifano, fino a Vincenzo Agnetti e Alighiero Boetti, di cui è all'incanto un piccolo Origami (Aereo) eseguito nel 1990 e in stima tra i 10 e i 15mila euro. Sicuramente un prezzo più abbordabile rispetto al bellissimo Concetto Spaziale Attese 1 + 1 – 000000 Buonasera di Lucio Fontana, monocromo bianco con 8 tagli, 65x82 centimetri eseguito nel 1964 che ha una stima che varia tra i 2,2 e i 3,3 milioni di euro. Non da meno, sempre del Maestro dello Spazialismo, una creazione precedente: Testa di Medusa, realizzata nel 1948, stimata tra 280 e 380mila euro. Grandi sguardi anche per Agnetti, attualmente in mostra anche a Palazzo Reale, sempre a Milano, per i suoi feltri-lapidi: qui, per esempio, potrete far vostro (88-130mila euro di stima) Ritratto di Amante, 80x120 centimetri, eseguito nel 1971. 
E poi ancora Ettore Spalletti, un bel Paesaggio Anemico di Mario Schifano del 1965 – 49-70mila euro in stima e poi, ancora Fontana (ma non presente alla preview) con un pezzo davvero museale, il cui corrispettivo si trova nella collezione permanente di Intesa SanPaolo alle Gallerie d'Italia milanesi: Concetto Spaziale, in piazza San Marco di notte con Teresita: 1 metro e mezzo per 1,5, eseguito nel 1961. Stima non pervenuta, almeno in questa anticipazione. 
Vince però, catturando l'attenzione, una piccola installazione a vetrina. Cosa vi è contenuto? Niente meno che un piccolo Rosso Plastica di Alberto Burri, 37,5x19,5 centimetri del 1966, stimato tra i 550mila e i 760mila euro, un Achrome di Piero Manzoni del 1960 in cotone, 130-197mila euro stimati ma soprattutto, ancora lui, una meravigliosa "miniatura” di Burri, probabilmente appartenente a quella serie di cadeaux che l'artista spediva agli amici: è un Sacco e Verde del 1953, 11,1x8,5 centimetri. Una delizia che vi costerà 110-160mila euro. (MB)

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram