fino al 29.IX.2002 - Gregory Deane - Firenze, Ex ospedale di San Matteo 3150 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 29.IX.2002
Gregory Deane
Firenze, Ex ospedale di San Matteo

   
 Chi crede che l’Action Painting sia un fenomeno della fine degli anni Quaranta e dei primi anni Cinquanta, si sbaglia di grosso. Per averne conferma basta far due passi in piazza San Marco, a Firenze, ed entrare negli spazi espositivi dell’Accademia di Belle Arti… Silvia Bottinelli 
 
pubblicato
La mostra di Gregory Deane toglierà ogni dubbio. Il colore dei gesti: già il titolo la dice lunga, con l’accenno alla componente gestuale del cosiddetto clima informale. Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, ogni atto di trasposizione automatica del colore sulla tela nascondeva una rivoluzione. Linguistica ed esistenziale. Oggi manca l’intensità della ribellione, nelle opere di Deane. Questo perché invece di lavorare su una ricerca stilistica, prende in prestito senza interpretarli frammenti di vari autori, come Paul Jenkins o Robert Rauschenberg, suoi modelli dichiarati.
Gregory Deane non è critico verso la realtà che lo circonda. Tanto è vero che egli stesso non tralascia di illuminare l’aspetto gioioso del suo fare arte. Sarà il sole della California, dove si è trasferito nell’adolescenza, ad averlo influenzato. Eppure non si direbbe, guardando gli accostamenti stridenti di colori che si giustappongono sulle sue opere. Aree compatte che forse citano Rothko, ma prive della sua semplice eleganza. Sono infatti invase da inserimenti pleonastici: foglie d’oro, bolo punzonato, spray brillanti, collage di carte; e, immancabili, fogli segnati da scritte giapponesi. Il “fascino dell’oriente” non ha potuto risparmiare Gregory Deane - OracleGregory Deane, dopo i suoi viaggi in Cina e in Giappone. O, non ci stupirebbe, dopo lo studio attento dei calligrafismi di Hartung o dei segni di Franz Kline. Al posto di una riflessione profonda sul pensiero Zen, come quella degli artisti concettuali di prima generazione, Deane preferisce il “ci sono anch’io” di brandelli di scrittura giapponese schiacciata da colori lividi. Lo osserviamo in Shizuka (2002), opera di grandi dimensioni che cattura l’attenzione del visitatore.
Invece, è nelle piccole tele che l’artista riesce a trovare un po’ di poesia. Come in Scribe (2002), in cui i toni caldi e tenui mimano una piacevole armonia. Nel complesso, comunque, l’impressione è di un facile accademismo. Antonio Natali, autore dei saggi in catalogo, propone un parallelismo storico: Deane sta all’ Espressionismo Astratto come la Seconda Maniera sta alla Prima, come Bronzino sta al Pontormo. Oppure, mi permetto di suggerire, come Orcagna sta a Giotto.

articoli correlati
Da Kandinskij a Pollock. La vertigine della non-forma
Super_abstr_action2

silvia bottinelli


Gregory Deane, il colore dei gesti
Fino al 29 settembre. Ex ospedale di San Matteo (Accademia di Belle Arti), via Ricasoli 68 (Piazza San Marco). Aperta nei giorni feriali: 10-13/ 16-19; festivi: 10-13; chiusa il lunedì; Catalogo: Gregory Deane, Il colore dei gesti, a cura di A. NATALI, ed. Polistampa, Firenze, 2002

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Silvia Bottinelli
vedi calendario delle mostre nella provincia Firenze
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Antonio Natali, Bronzino, Dem, Franz Kline, Giotto, Hartung, Kandinskij, Paul Jenkins, Pollock, Pontormo, Robert Rauschenberg, Rothko, Silvia Bottinelli
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram