L'uomo qualunque - che spara 3101 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

L'uomo qualunque
che spara

   
 Il "Giro del Mondo" oggi non può che essere dedicato all'ennesima, folle, "esecuzione di massa" negli Stati Uniti. Oltre la "banalità del male"  
 
L'uomo qualunque - che spara
pubblicato

Al Signor Adolf Eichmann fu chiesto di organizzare lo sterminio, nella Germania nazista. Lui eseguì gli ordini. Ecco dove si annidava la banalità del male. Certo, nulla a che vedere - come proporzioni - con i fatti di Las Vegas, ma quel che è certo è che negli Stati Uniti, le cose sono state anche peggio. 
Perché nessuno ha dato ordini a Stephen Paddock, se non la sua coscienza. Certo, l'ISIS ha rivendicato, ma mai come in questo caso la presenza degli islamici è una barzelletta agli occhi di tutti: il folle spara e dal Medio Oriente arriva il "era uno di noi". Storia vecchia, visto che Paddock - oltre ad essere il più anziano criminale di queste ondate di violenza (aveva 64 anni) - era anche un cittadino statunitense. Abitava a Mesquite, cittadina a 150 chilometri dalla Festa Country attaccata nella Capitale del gioco d'azzardo e nella sua casa non è stato trovato nulla di particolare. Peccato che, nell'albergo dal quale sono partiti i colpi, il Mandalaya Bay, avesse 10 pistole: «La sua vita era un libro aperto. Era andato al college, aveva un lavoro: qualcosa deve essere successo, era solo un ragazzo», sono le parole del fratello, riportate dal Corriere della Sera. E i pettegolezzi che scavano nella sua vita già si sprecano: l'uomo dal 2015 viveva in una casa del valore di 300mila euro, in un quartiere chiuso in cui c’è un campo da golf, piscine all’aperto e al chiuso, una palestra e un centro ricreativo, i residenti devono avere più di 55 anni e nessun bambino è ammesso. Un romanzo di James G. Ballard, e per chi non lo conoscesse consigliamo giusto due titoli: Cocaine Night e Regno a Venire. Scoprirete, tramite le pagine dello scrittore inglese, quanto la "mediocrità" possa essere immensamente violenta; forse addirittura più "comprensibile" della medesima violenza dettata da condizioni politiche, per esempio.
Perché? Perché dettata da un'esistenza disperata che - forse - non comprende di essere tale. Colpa della società? Della famiglia? Dello stile di vita? Poco importa. Perché poi, a rimetterci, è la stessa società, le famiglie, gli stili di vita. «Sembrava una persone normale», riportano ancora i media. Così normale da diventare mostruoso in un lampo, e sparire. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram