CINEMA 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

CINEMA

   
 Tutti i “Manifesto” di Julian Rosefeldt. In un film che tiene al centro l'arte della militanza

  
 
CINEMA
pubblicato

Cate Blanchett bionda. Cate Blanchett mora. Cate Blanchett rossa. Cate Blanchett triste, arrabbiata, entusiasta. In TV, in ufficio, a casa a pranzo. La preghiera preprandiale coi tre figli e il marito - davanti a un enorme tacchino innaffiato di gravy e servito con verdure sbiadite - è il Manifesto Pop: che l’arte puzzi come i miei calzini, che l’arte esca dai musei, che l’arte si beva come la coca-cola. Geniale.
È una broker impanicata davanti al computer, le azioni che impazzano, che afferma "che la magnificenza del mondo si è arricchita di una bellezza nuova; la bellezza della velocità”, è il Manifesto Futurista, che più avanti vuole "liberare questo Paese dalla sua fetida cancrena di professori, d'archeologi, di ciceroni e d'antiquari”.
Al cimitero, elegantissima in nero, in una versione anni ’30, iraconda davanti a un parterre compito e attento, ci vuol convincere – con Tristan Tzara - che "Un'opera d'arte non è mai bella per decreto legge, obiettivamente, all'unanimità. La critica è inutile”. Eccetera, eccetera.
I manifesti più famosi e quelli oscuri traboccano dalle 12 o 13 versioni di Cate, un grande omaggio a una grande attrice, a Hollywood, all’industria del cinema e del trasformismo, tenendo però l’arte, l’arte militante al centro.
E alla fine è una barbona, accompagnata da carrello e cane, la stessa che apre il film, camminando in mezzo a un non luogo fatto di archeologia industriale e architetture da Buckminster Fuller, che ci vomita addosso gli ultimi insulti contro una società che di capitalismo morirà. Amen, Carlo Marx. 
Dopotutto, il Manifesto più famoso è il suo.

Marcella Vanzo

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram