Fino all'11.XI.2017 - Raul De Nieves - A Palazzo Gallery, Brescia 3126 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino all'11.XI.2017
Raul De Nieves
A Palazzo Gallery, Brescia

   
  Carla Ingrasciotta 
 
Fino all'11.XI.2017 - Raul De Nieves - A Palazzo Gallery, Brescia
pubblicato

"Who Would We be Without Our Memories?” [Chi saremmo senza i nostri ricordi?] è la domanda che Raul de Nieves (nato nel 1983 a Morelia, Michoacàn, Messico) pone al suo pubblico per raccontare la sua opera. Un’opera eclettica, coloratissima, che invade i solenni spazi settecenteschi della galleria con una vivacità tipica del carattere messicano. 
Sulle ampie vetrate delle sale principali, Raul applica un collage di vetri colorati, carta, legno, colla, nastro, perline e fogli di acetato che, giocando con i raggi di sole provenienti dalle finestre, creano e proiettano sul pavimento interno un fantastico arcobaleno calpestabile. Questa apparente allegria di colori, allude al ricordo del padre dell’artista, morto all'età di 33 anni, la stessa età in cui Raul presenta questa mostra. Con questa installazione, già presentata alla Whitney Biennial a New York quest’anno (e una delle opere più apprezzate e instagrammate della mostra)  de Nieves tratta materie modeste con attenzione meticolosa, trasformando il quotidiano nel fantastico. Al contrario di molte tradizioni spirituali occidentali, l’artista rappresenta la morte come una metafora di trasformazione spettacolare e rinascita in un mondo imprevedibile e turbolento. Nel suo dialogo con l’iconografia del passato, con le tradizioni religiose e spirituali, l’artista rivela sempre un’attitudine positiva nei confronti dell’umanità. Il suo lavoro multimediale racconta la forza sorprendente della vita: l’artista traduce nelle sue creazioni la possibilità di un’esperienza fantastica traboccante di amore, commedia e promessa per un domani migliore.

null
Raul de Nieves: Who Would We Be Without Our Memories?, vista della mostra

Manipolando tecniche e strumenti diversi, dal costume, alla tessitura e la scultura, l’artista dimostra il proprio impegno nei confronti della nativa tradizione artigianale, omaggiandola ma allo stesso re-interpretandola attraverso il linguaggio poetico della contemporaneità e donando nuovo valore ad oggetti d’uso comune. Uno sguardo nostalgico al passato animato a contrappunto da una fantasiosa e dinamica proposta creativa che si traduce in agglomerati di pietre brillanti che si rivelano vere e proprie ornamenti, vestiti, scarpe, o nelle sculture-pupazzo che popolano le stanze della galleria come ballerini dalle pose acrobatiche e dai costumi sgargianti.
Le ingombranti opere in mostra provengono dal suo studio di Brooklyn, città dove Raul si è trasferito all’età di 9 anni, portando però con sé un bagaglio culturale tra cui l’abilità nel cucito e nella tessitura, che ancora oggi è parte integrante della sua ricerca e pratica artistica. Autodidatta, Raul crea sculture intricate usando perline di plastica che richiedono un lavoro manuale intensivo. Ha ottenuto riconoscimenti sia nei settori dell'arte e del mondo della moda, creando pezzi più fantastici che pratici e quasi impossibili da indossare.

Carla Ingrasciotta
mostra visitata il 30 settembre 

Dal 30 settembre all’11 novembre 2017
Raul de Nieves: Who Would We Be Without Our Memories?
A Palazzo Gallery
Piazza Tebaldo Brusato, Brescia
Orari di apertura: Martedì - Venerdì 09.00-18.00 / Sabato 11.00-18.00
info: art@apalazzo.net, +39 030 3758554
www.apalazzo.net 



 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Carla Ingrasciotta
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram