Il sogno contemporaneo - di Palazzo Madama 3160 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Il sogno contemporaneo
di Palazzo Madama

   
 Con "Doppio Sogno" di Elisa Sighicelli la più "tradizionale" delle istituzioni torinesi mette in scena la mostra forse più contemporanea di questa settimana dell'arte che si chiude oggi all'ombra della Mole  
 
Il sogno contemporaneo - di Palazzo Madama
pubblicato

In tutto il fluire di collezionismi torinesi di questi giorni, da OGR a Sandretto, passando per le rievocazioni del periodo dell'Arte Povera ad Artissima, con Deposito d'Arte Italiana Presente e Piper, lo spazio forse più audace è un museo di "Arti Decorative", lo splendido Palazzo Madama. Perché audace? Perché con la mostra "Doppio Sogno" di Elisa Sighicelli, a cura di Clelia Arnaldi (conservatrice del museo diretto da Guido Curto) si varia la composizione di sei sale del Barocco, al primo piano, mettendo in scena un progetto specifico realizzato osservando e catturando la luce e l'architettura del meraviglioso edificio, celeberrimo per lo scalone di Filippo Juvarra. 
Nessuna mostra di raccolta, dunque, ma una commissione in cui il contemporaneo si sviluppa in un dialogo lirico, poetico e soprattutto inedito. Due grandi trittici (stampati su raso) e alcune fotografie ridipinte accompagnano il visitatore tra gli specchi e gli stucchi, in un crescendo emozionale che culmina alla Veranda Juvarriana affacciata proprio sullo scalone d'onore e su piazza Castello. 
Con una modalità "di cattura" delle immagini che ricorda l'Impressionismo delle visioni della Cattedrale di Rouen di Monet, Sighicelli esplora le potenzialità pittoriche e percettive del vetro e dei toni della luce "raccolta" in varie ore del giorno, dagli abbagli del mattino alle inondazioni di rame, arancio, rosso e argento del pomeriggio, dove le visioni si confondono con le luci della città. Il risultato, per certi versi, è strabiliante: ci si trova di fronte a quadri "liquidi" dai quali si scopre un'inedita prospettiva del "Palazzo delle Madame". Visioni oniriche, ambigue, fluide, che ricordano anche un vecchissimo e splendido saggio che portava il titolo "La fotografia: illusione o rivelazione?". E mai, come in questo caso, i caratteri sono suggestivamente mischiati. E se non avete ancora letto la nostra intervista al direttore Curto su Exibart.Onpaper 98 vi aspettiamo oggi ad Artissima, per regalarvi una copia del nostro giornale! (MB)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram