Torino Art Week/14. Treti Galaxie e il contemporaneo che porta tredici metri sotto la città 3103 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/12/2018
Stranger Things, dalla serie tv al videogioco in 16-bit
18/12/2018
Oscar 2019: Dogman fuori dalle nomination come miglior film straniero
17/12/2018
Scoperta in Egitto la tomba di un alto sacerdote, perfettamente conservata dopo 4mila anni
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Torino Art Week/14. Treti Galaxie e il contemporaneo che porta tredici metri sotto la città

   
   
 
Torino Art Week/14. Treti Galaxie e il contemporaneo che porta tredici metri sotto la città
pubblicato

L’artista è Clémence de La Tour du Pin, il titolo dell’intervento è "sept préludes", lo speciale luogo dove si svolge questa mostra che arriva a 13 metri sotto il livello stradale di Torino è la Fortezza Sotterranea del Pastiss. Parliamo del nuovo progetto di Treti Galaxie, che in città è attivo dal 26 ottobre e fino al prossimo 29 novembre e che abbiamo avuto modo di scoprire in questi giorni di Artissima e correlati.
Le premesse? Presentatevi in via Papacino all’angolo con Corso Matteotti, e vi calerete nelle gallerie che furono costruite nel 16esimo secolo per volere del Duca Emanuele Filiberto di Savoia e che servivano come ragnatela difensiva per quella cittadella che occupava geograficamente l’area che va da Corso Bolzano a Via Cernaia e Corso Ferraris. Riempiti di terra nell’800, dagli anni ’60 i ritrovati corridoi furono riaperti scavando a mano, e oggi sono gestiti dal Museo Pietro Micca. Un ambiente affascinante e inquietante, che Du Pin concepisce come una cavità uterina, un ambiente ideale di protezione, caldo e umido, che serviva però ad azioni violente (anche se pare che mai fu sparato un colpo durante il suo utilizzo) o quanto meno "difensive” da parte di un parterre prettamente maschile. E maschile è anche il protagonista di questa mostra, il prozio dell’artista Charles de Brosses, ideatore del termine "feticismo” che si narra abbia esplorato i corridoi nel 1740. Un’altra storia quasi occulta, che riscrive la percezione di una città dalle sue viscere e l’ossessione della giovane artista per questo avo misterico. E che sceglie di seguire in una campionatura di elementi gassosi e impurità: un omaggio alle fobie nascoste e alle anime dimenticate, ai desideri inconsci di una città che solo il pubblico, con la propria sensibilità e le appassionate visite guidate potrà scoprire in una immersione sensoriale. Tenendo d’occhio scalini e bassi soffitti, sfidando un poco il senso di claustrofobia e lasciandosi suggestionare dalle immagini della storia che via via avvamperanno nella mente. Volete tentare la discesa nel mistero (le visite sono già sold-out)? info@tretigalaxie.com

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram