Fino al 19.XI.2017 - Antonio Biasiucci. Molti - Sotterranei delle Terme di Caracalla, Roma 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2018
Quattro componenti per la nuova Commissione per il Sistema museale nazionale
20/06/2018
Fendi e Nico Vascellari ancora insieme, per la collezione maschile estate 2019
19/06/2018
Si riapre l’indagine sul furto della Natività di Caravaggio
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 19.XI.2017
Antonio Biasiucci. Molti
Sotterranei delle Terme di Caracalla, Roma

   
  Martina Ferrari 
 
Fino al 19.XI.2017 - Antonio Biasiucci. Molti - Sotterranei delle Terme di Caracalla, Roma
pubblicato

I sotterranei delle Terme di Caracalla, straordinario complesso architettonico della Roma imperiale, ospitano "Molti”, la personale del fotografo campano Antonio Biasiucci, in un fecondo connubio tra antico e contemporaneo. Cinquanta volti in bianco e nero, rigorosamente ad occhi chiusi, di uomini, donne e ragazzi appartenenti ad etnie diverse emergono dalle tenebre, illuminati da una luce radente che mette in risalto l’espressione distesa e serafica di questi protagonisti anonimi.
Sul pavimento di una delle gallerie di servizio sono disposte le cornici di metallo e cristallo dalle quali affiorano i visi. Prima fonte di ispirazione per Biasiucci nel 2009 sono state le tragedie del mare.

null
Antonio Biasiucci. Molti, vista della mostra

L’artista ha voluto dar vita alle storie dei migranti, fotografando i calchi realizzati negli anni Trenta dall’antropologo Lidio Cipriani, in alcuni paesi del Nord Africa. Il dedalo dei sotterranei delle Thermae Antoninianae, la parte più segreta e sconosciuta del complesso, ha fatto assumere all’installazione un diverso significato. In questi corridoi ed ambienti lugubri, una moltitudine di schiavi si affaticava per mettere in moto le caldaie, i forni e l’impianto idrico necessari al buon funzionamento dei Bagni, luogo di otium e negotium per i ricchi cittadini romani. 
Biasiucci con le sue fotografie è il testimone di un’umanità nascosta e dimenticata ma funzionale ad una società schiavista. In tal modo, l’artista materializza dall’ombra figure evanescenti alle quali il cristallo conferisce una certa profondità. Ora i Molti hanno acquistato la dignità del ritratto, a loro negata per troppo tempo. 

Martina Ferrari
Mostra visitata il 29 Ottobre

Dal 17 ottobre al 19 novembre 2017
Antonio Biasiucci. Molti
Sotterranei delle Terme di Caracalla
Viale delle Terme di Caracalla 52, Roma
Orari: dal martedì alla domenica 10-16
Info: 06.39967700

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Martina Ferrari
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Manifesta 12 - Palermo - La guida con tutti gli eventi e non solo
trovamostre
@exibart on instagram