Addio ad Alessandro Kokocinski. Artista di molte patrie, innamorato della cultura italiana 3053 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
09/12/2018
La storia della grafica dal XIX secolo ai giorni nostri, nei due nuovi volumi editi da Taschen
08/12/2018
Al Castello di Rivoli, Milovan Farronato e Carolyn Christov-Bakargiev ricordano Chiara Fumai
08/12/2018
Milano e Atene al primo posto nella classifica Airbnb delle città più creative
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Addio ad Alessandro Kokocinski. Artista di molte patrie, innamorato della cultura italiana

   
   
 
Addio ad Alessandro Kokocinski. Artista di molte patrie, innamorato della cultura italiana
pubblicato

Si è spento questa mattina nella sua Tuscania (Viterbo), dopo una lunga malattia, all’età di 69 anni, Alessandro Kokocinski (Porto Recanati, 1948), artista eclettico e versatile che aveva tante vite da raccontare. 
Madre russa e padre polacco, Kokocinski nasce nel dopoguerra in Italia, da genitori apolidi. Artista dalle molte patrie, ha vissuto un’esistenza intensa, scandita da incontri ed eventi eccezionali, attraverso i continenti. Dall’infanzia in Sudamerica con gli indios Guaraní nella foresta pluviale, all’adolescenza in un piccolo circo uruguayano come acrobata cavallerizzo. Poi il Cile di Allende. Quindi l’Europa e, infine, l’incontro e l’innamoramento con la grande arte classica italiana. Nel 1971 arriva a Roma. Qui frequenta i personaggi della scena intellettuale e artistica di quegli anni, tra gli altri, Moravia, Pasolini, Gassman, Levi, Tommasi Ferroni. Intrapresa la carriera di artista, tra tele, sculture, installazioni, scenografie, turbate, grottesche, teatrali che raccolgono e raccontano tutta la sua storia, e ottenuto il riconoscimento del pubblico e della critica, Kokocinski vive per alcuni anni in Cina e in Germania, ma è in Italia che fa ritorno, per stabilirsi a Tuscania. 
Il 2017 è stato contrassegnato dalla sua grande mostra "La Vita e la Maschera: da Pulcinella al Clown” al Museo Archeologico Nazionale di Napoli (6 aprile-5 giugno) e dall’uscita della sua biografia, firmata da Tiziana Gazzini, Kokocinski. Vita straordinaria di un artista, Edizioni Clichy. (Cesare Biasini Selvaggi)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico