La riscossa della pittura “emergente” 3102 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/05/2018
Parte la campagna per finanziare il documentario dedicato alla Signora Ceppo di Twin Peaks
25/05/2018
L'ex produttore Harvey Weinstein si è consegnato alla Polizia di New York
25/05/2018
Online su Google, il museo digitale dedicato a Frida Kahlo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

La riscossa della pittura “emergente”

   
 Da Roma a Forlì, oggi si inaugurano tre mostre di artisti emergenti impegnati nella riscoperta della pittura che apre un dinamico dialogo con il tempo storico e con l’attualità  
 
La riscossa della pittura “emergente”
pubblicato

È terminato finalmente quell’aberrante rito funerario a cui è stata sottoposta la pittura negli ultimi anni. Anzi, a scomparire sono stati i suoi stessi becchini, mentre quelli sopravvissuti si riscoprono ora suoi estimatori. D’altronde i voltagabbana sono numerosi anche nel sistema dell’arte. 
Al centro dell’attuale riscoperta della pittura ci sono soprattutto giovani artisti di talento. Voci di un’avanguardia emergente che sembra guardare alla pittura con un atteggiamento trasgressivo ma, al tempo stesso, rispettoso della tradizione, tra prospettive di sviluppo e continuità.
Alcuni di questi emergenti sono protagonisti oggi di una serie di opening tra Roma e Forlì.
Partiamo dalla capitale dove ADA presenta la personale di Lorenzo Pace (1984), dal titolo "Reef”. Pace è essenzialmente un pittore, il cui primo approccio con la potenza comunicativa del colore e le sperimentazioni a esso collegate, avviene in strada, attraverso la Aerosol Art. La sua ricerca pittorica non si abbarbica mai allo schema convenzionale del quadro, ma procede per sconfinamenti semantici, dal wall painting all’innesto di materiali eterocliti (come spugne e specchi), funzionali alla narrazione di storie contemporanee. Nel lavoro dell’artista romano i materiali delineano significati, divenendo essi stessi la trama di un racconto, facendo così assurgere la forma, innanzitutto pittorica, a contenuto. 
Sempre a Roma, la Fondazione Pastificio Cerere inaugura oggi, nel tardo pomeriggio, "So Long”. Si tratta della mostra di fine residenza di Thomas Berra e Corinna Gosmaro, Elke Dreier e Analía Martínez. In particolare, Thomas Berra e Corinna Gosmaro sono i vincitori della V edizione di 6ARTISTA. Un progetto per giovani artisti, ideato nel 2009 dalla Fondazione in collaborazione con l’Associazione Civita. Thomas Berra (1986) si rivolge alla pittura sperimentando un linguaggio raffinato e selvaggio che attinge dal mondo del graffitismo, fino a toccare un lirismo debitore della pittura minuziosa, carica di dettagli e bidimensionale, di Henri Rousseau. Il verde è il colore che predomina sulle sue grandi e piccole tele, dove ne scandaglia ossessivamente le molteplici sfumature cromatiche, per parlarci di biodiversità, di accoglienza, di inclusività. Dalle vagabonde, cioè le erbacce che crescono ai margini delle strade, ai vagabondi che muoiono ai margini dell’Occidente. Corinna Gosmaro (1987), invece, attraverso una pratica artistica al confine tra pittura e scultura, lavora sul significato fondamentale della stratificazione della materia, del vissuto e della memoria, sulla sovrapposizione del tempo e dello spazio nella "produzione” dell’opera: strati di colore su filtri industriali, dove la pittura lotta per rimanere impregnata tra le fibre sintetiche. In una resilienza dai toni metafisici. Dagli esiti formali che ricalcano gli effetti delle macchie di Rorschach. 
A Forlì, si apre in serata "Cladonia rapida”, del giovane Adriano Valeri in dialogo ideale con Piero Gilardi negli spazi della Galleria Marcolini. Adriano Valeri (1987) esplora, in una pittura dalle cromie sorprendenti, porzioni di quotidianità nelle quali si riflettono tematiche legate all’ambiente, all’ecologia e all’esperienza contemporanea della natura. Sulle sue tele di medie dimensioni emergono micro-luoghi invisibili all’interno di paesaggi urbani in cui la natura, completamente antropizzata, rioccupa spazi metropolitani deserti, paradossalmente inospitali per l’uomo. (Cesare Biasini Selvaggi)

In alto: Thomas Berra, Elogio delle Vagabonde, 2017 Acrilico su tela, 200 x 300 cm
In homepage: Lorenzo Pace, Reef (dettaglio), 2018 Spugne, spray acrilico, olio su tela


INFO
Opening: ore 19.00
Lorenzo Pace. Reef
dal 14 dicembre 2017 al 18 gennaio 2018
ADA
via di Tor Fiorenza 20, Roma
orari: dal giovedì al sabato, dalle 15.00 alle 19.00
o su appuntamento
www.ada-project.it

Opening: ore 19.00
So Long. Thomas Berra e Corinna Gosmaro, Elke Dreier e Analía Martínez
dal 14 dicembre 2017 al 14 febbraio 2018
Fondazione Pastificio Cerere
via degli Ausoni 7, Roma
orari: dal lunedì al venerdì, dalle 15.00 alle 19.00, sabato dalle 16.00 alle 20.00
www.pastificiocerere.it

Opening: ore 21.00
Cladonia rapida. Adriano Valeri in margine a Piero Gilardi
dal 14 dicembre 2017 al 2 febbraio 2018
Galleria Marcolini  
via Francesco Marcolini 25/a, Forlì  
orari: martedì e mercoledì, dalle 16.00 alle 19.30; venerdì e sabato, dalle 11.00 alle 19.30
www.galleriamarcolini.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram