Leonardo può risvegliare il mercato dei Maestri? 3070 utenti online in questo momento
exibart.com
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Leonardo può risvegliare il mercato dei Maestri?

   
   
 
Leonardo può risvegliare il mercato dei Maestri?
pubblicato

Dal momento della vendita del Salvator Mundi di Da Vinci per 450 milioni di dollari gli specialisti hanno iniziato a dibattere su quanto questa vendita, e il fatto che fosse avvenuta durante un’asta di arte contemporanea, potesse influire sul mercato degli Old Masters. Il primo banco di prova sono state le aste della scorsa settimana a Londra, tra Sotheby's, Bonhams e Christie's, che hanno totalizzato 58,2 milioni di sterline, in rialzo del 48,5 per cento rispetto allo scorso inverno. 
Il momento più atteso da Sotheby’s è stato quello dello schizzo a olio di John Constable per il suo dipinto del 1817 The Opening of Waterloo Bridge, di proprietà della Tate, schizzo scoperto sotto le scale di una casa londinese i cui proprietari non erano a conoscenza della paternità. Stimato 1 milione, è stato venduto per 2,3 milioni al collezionista Daniel Katz. Inoltre, sembrano aver avuto un grande successo i dipinti a soggetto religioso, da Bonhams, ad esempio, il prezzo massimo è stato di 1,7 milioni di sterline per un pannello trecentesco che raffigura Crocifissione di Lorenzo Veneziano. Ottimi risultati anche per i dipinti olandesi, un raro dipinto de El Greco e un lavoro di Van Dyck.
Il merito del Salvator Mundi, per ora, è stato quello di aver tolto un po’ di polvere dalla categoria. I veri risultati si vedranno al momento delle consegne del prossimo anno, ma la rivoluzione avverrà solo quando i venditori scommetteranno sulle vecchie opere, andando alla ricerca dei capolavori nascosti. (RP)

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram