Tutto su Heinz Berggruen 3082 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Tutto su Heinz Berggruen

   
 Heinz Berggruen, Ricordi di un mercante d’arte, Skira editore  
 
Tutto su Heinz Berggruen
pubblicato

Quella che state leggendo è la prima uscita della nuova rubrica che sostituirà temporaneamente OPENING durante le festività natalizie. L’ho voluta dedicare ai libri. Un regalo evergreen, sempre attuale, sempre gradito per gli altri come per se stessi. Durante le ferie dei prossimi giorni ricavare qualche ora per un libro credo che possa rappresentare un buon tonico per l’anima e l’umore in primis. Libri che consiglio di acquistare nelle libreria di quartiere, per chi ha ancora la fortuna di averne una, così da dare il proprio contributo a questi eroici e coraggiosi avamposti culturali, che combattono ogni giorno per non essere spazzati via dalle multinazionali degli acquisti online.
Ma veniamo al libro di oggi. Vi preannuncio che la sua lettura è agile, veloce, appassionante. Praticamente, per arrivare alla fine, bastano poche ore. Protagonista nonché autore è Heinz Berggruen (1914-2007), insieme ai suoi straordinari racconti autobiografici. Sto parlando, infatti, di uno dei maggiori mercanti d’arte del secondo Novecento con la sua galleria di Parigi e, al tempo stesso, di un collezionista con un fiuto fuori del comune, la cui magnifica raccolta, dal 2000 proprietà dei Musei Statali berlinesi, è oggi visibile nella prestigiosa sede di Charlottenburg. 
Il racconto intessuto da Berggruen prende il lettore già dalle prime pagine. Scritte come un diario ora intimo, ora vivace, persino spiritoso, scandito per paragrafi. Con uno stile che oggi definiremmo da blogger. Lungo i tre capitoli della sua vita: la Berlino pre-nazista della giovinezza, l’esilio in California, il ritorno in Europa. Io ho sognato a occhi aperti, e ho provato anche un po’ di invidia, di fronte ai personaggi che ha incontrato, che ha conosciuto, con i quali ha intessuto fugaci o duraturi rapporti d’amicizia. Da Picasso a Matisse. Idem con Mirò. E con Giacometti. Solo per darvi qualche assaggio e stimolare il vostro appetito, eccone alcuni. All’età di 25 anni, nel 1939, Berggruen conosce Frida Kahlo a San Francisco, dove era ricoverata in ospedale per sottoporsi alle cure del dottor Eloesser. La presentazione avviene grazie a suo marito Diego Rivera, per  il quale il nostro giovane e volitivo mercante d’arte "in pectore” fungeva da "ragazzo tuttofare”. Rivera gli rivolge, in francese, quella che sarebbe diventata una profezia: «Lei adesso incontrerà mia moglie, e te ne innamorerai». È quanto accade. Il loro è uno spontaneo, intenso innamoramento. Che comprenderà anche una fuga a New York, una vita di convivenza irregolare a Manhattan. Per tutto il tempo che trascorsero insieme, Berggruen rivela che non ebbe mai modo di vedere un solo dipinto di Frida, anzi a malapena sapeva che dipingesse. Questo idillio durò un mese. Poi ognuno dei due riprese il sentiero dell’esistenza che già conduceva. E, ancora, c’è il memorabile incontro con un’altra icona del XX secolo, la scrittrice statunitense nonché "poetassa cubista” Getrude Stein. La Stein arriva a Parigi nel 1902, per rimanervi fino alla morte, con la compagna A. B. Toklas, cui dedicò quello che probabilmente è il suo capolavoro, "The autobiography of Alice B. Toklas” (1933), resoconto romanzato della sua vita. Tra le personalità di maggior spicco del movimento modernista, strinse subito amicizia con i maggiori talenti del postimpressionismo e del cubismo, come Picasso, Braque, Matisse, le cui opere adornavano il suo famoso salotto dell’abitazione in rue de Fleurus. Dove  Berggruen sopraggiunge, da soldato americano, quando la Seconda guerra mondiale era appena finita. E si trova di fronte a quattro enormi pareti tappezzate per l’intera altezza di dipinti e disegni, tutti privi di cornici. Oltre la metà delle opere sono di Picasso, e tra loro proprio il formidabile ritratto di Gertrude Stein (1906) oggi esposto nelle sale del Metropolitan Museum of Art. In occasione di quella visita, Gertrude Stein non parlò mai con il nostro Berggruen della sua collezione. Dieci anni più tardi la grande scrittrice muore. Berggruen organizza a Parigi, nella galleria che nel frattempo aveva aperto sulla riva sinistra della Senna, la sua prima mostra di Picasso. Dove espone solo disegni giovanili del grande genio che erano stati di proprietà della Stein, acquistati poco prima dalla compagna della scrittrice, Alice Toklas. (Cesare Biasini Selvaggi) 

Heinz Berggruen
Ricordi di un mercante d’arte
Skira editore, 2017 
14 x 21 cm, 144 pagine, brossura
€ 14,90

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram