L’ossessione italiana per le statue di gesso 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
21/04/2018
Il Carillon di Olaf Nicolai, a maggio al Museion di Bolzano
21/04/2018
Triennale di Milano. Presentati il nuovo direttore e i quattro curatori di settore
20/04/2018
La metropolitana di New York e Spotify omaggiano David Bowie, con i ticket da collezione
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

L’ossessione italiana per le statue di gesso

   
   
 
L’ossessione italiana per le statue di gesso -
pubblicato

Durante un lungo viaggio sulle coste del sud d’Italia intrapreso la scorsa estate, il fotografo Stefan Giftthaler è rimasto colpito dalle onnipresenti statue di gesso posizionate in ogni dove, che vanno dalle riproduzioni di capolavori dell’arte classica a quelle a tema religioso. Così ha deciso di documentare questa "ossessione” tutta italiana per le statue, che oramai popolano il paesaggio e che sembrano collocate in modo del tutto casuale: da antiche divinità olimpiche nei parcheggi dei supermercati a Gesù Cristo che troneggia sui raccordi autostradali. Interessato a cogliere il perché di questa pratica tradizionale spesso ignorata, nei suoi scatti Giftthaler sottolinea la relazione tra le statue e l’architettura urbana. A metà tra il kitsch e un omaggio all’antico patrimonio italiano, come ha dichiarato il fotografo in un’intervista a Another, "Forse, usando questi simboli, le persone stanno inconsciamente cercando di riportare in vita i segni che una volta si usavano per relazionarsi con il mondo dello sconosciuto e dell'inconscio. Questi oggetti rappresentano un patrimonio simbolico comune, una connessione con il nostro interiore mondo che corre parallelo alla vita di tutti i giorni”. (NG) 


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram