Finissage - Anna Boghiguian - Castello di Rivoli, Torino 3061 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci vince l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
13/12/2018
Milano da bere? No, “Milano da Vinci”. Apre il concorso dedicato alla città di Leonardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Finissage
Anna Boghiguian
Castello di Rivoli, Torino

   
  Silvia Conta 
 
Finissage - Anna Boghiguian - Castello di Rivoli, Torino
pubblicato

Ci sono artisti capaci di cogliere d’istinto il mutare del mondo e restituirci le loro intuizioni con modalità che a loro volta generano universi inediti: è il caso di Anna Boghiguian, artista cosmopolita nata a Il Cairo nel 1946, che dagli anni Ottanta a oggi realizza innumerevoli quantità di disegni - a cui, nel tempo, si sono aggiunti collage, scultura, fotografia, scrittura, suono -  mediante i quali lei rielabora la sua osservazione del mondo e dei suoi mutamenti storico politici e sociali, dal colonialismo alla globalizzazione, con cui è entrata in contatto attraverso una vita nomade, che l’ha portata in Europa, Asia, Africa e nelle Americhe. La sua osservazione del presente è sempre passata sotto la lente della sua passione per filosofia, letteratura e politica, coltivate fin dagli inizi dei suoi studi quando, figlia di un orologiaio armeno, ha studiato scienze politiche e arte all’American University del Cairo negli anni Sessanta e si è trasferita in Canada nel 1970 dove ha studiato arte e musica alla Concordia University di Montreal. 
La mostra al Castello di Rivoli, a cura di Carolyn Christov-Bakargiev e Marianna Vecellio, è la prima retrospettiva dell’artista in Italia e la più grande a lei mai dedicata (da marzo a giugno 2018 sarà ospitata dalla Sharjah Art Foundation di Sharjah (UAE), con la curatela di Carolyn Christov-Bakargiev e Hoor Al Qasimi): per la prima volta sono raccolti in un unico percorso un eccezionale numero di taccuini, disegni, pitture, fotografie, sculture e installazioni ambientali. Si tratta di una potentissima sintesi della sua ricerca che riunisce lavori dal 1981 a oggi, presentati in un complesso e coinvolgente allestimento che si dipana per tutta la lunghezza della Manica Lunga del castello e avvolge completamente il visitatore: un susseguirsi di opere ricchissime di elementi, un enorme dispiegamento di disegni, immagini, oggetti dalle dimensioni notevoli o minuscole, che attraverso la sostanziale assenza di soluzione di continuità tra i lavori e la linea dritta della sala permette un’immersione totale e soverchiante nell’universo dell’artista. Una densità che permette di addentrarsi nella lettura di Anna Boghiguain sulla contemporaneità, maturata in parallelo con il succedersi delle grandi trasformazioni storiche, sociali, politiche (e personali) a cavallo di due millenni. 

null
Anna Boghiguian, vista della mostra, Photo by Renato Ghiazza

Una prospettiva appassionata e vitale con cui l’artista guarda dritto negli occhi quel dionisiaco ereditato dalla filosofia a lei tanto cara: mutevolezza, caos, lo scorrere ineluttabile della storia e della vita, in un’eterna assenza di compiutezza. 
"L’intera opera di Boghiguian – spiegano le curatrici - è riconducibile all’immagine e al concetto di libro e numerosissimi sono i libri d’artista da lei realizzati dall’inizio della sua attività negli anni ottanta del secolo scorso fino a oggi. Mentre i primi […] sono rilegati, nei successivi le pagine hanno cominciato ad aprirsi verso l’esterno come leporelli, per trasformarsi poi in serie di disegni le cui sequenze ricordano i fotogrammi di un film. Dal 2011 in occasione della Biennale a Sharjah e da dOCUMENTA(13) a Kassel nel 2012, i taccuini sono diventati parte di installazioni comprendenti strutture architettoniche e ambientazioni percorribili, quasi si trattasse di giganteschi libri "pop-up”, in cui lo spazio viene sperimentato come un continuo ambito di piegamento e dispiegamento.” A testimoniare questo aspetto sono soprattutto le grandi installazioni ambientali: The Simple Affair that Moved the World (2010-2011), che fu la prima installazione dell’artista, Unfinished Symphony (2012), realizzata in occasione di dOCUMENTA (13) a Kassel, The Salt Traders (2015), esposta alla 14th International Istanbul Biennial e da poco entrata a far parte della collezione permanente del Castello di Rivoli grazie al sostegno della Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT, e la recente Promenade dans l’incoscient (2016).
La mostra è stata preceduta, dallo scorso maggio a luglio, dal progetto "Anna Boghiguian. Lo studio dell’artista”, in cui l’artista ha trasferito parte del proprio materiale da Il Cairo al Castello di Rivoli e ha ricreato il proprio studio – ora esposto parzialmente in mostra – dove ha realizzato le opere su carta di An Incident in the Life of a Philosopher, ispirate al periodo trascorso dal filosofo Friedrich Nietzsche (1844–1900) a Torino tra il 1888 e il 1889, quando concepì l’opera Ecce homo.

Silvia Conta
mostra visitata il 4 novembre 2017

Anna Boghiguian
Castello di Rivoli, Rivoli 
Piazza Mafalda di Savoia, Rivoli - Torino
Orari: sabato – domenica 10.00 – 19.00
Info: www.castellodirivoli.org

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Silvia Conta
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram