I ribelli del Nord e i fiori del male 3180 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/04/2018
A Kenneth Frampton il Leone d’oro alla carriera della Biennale di Architettura di Venezia
18/04/2018
Da Jackson Pollock a Michelangelo Pistoletto, una settimana di incontri al Madre
18/04/2018
A Roma, una mostra celebra il genio di Andrea Pazienza
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

I ribelli del Nord e i fiori del male

   
 A Palazzo Rovarella di Rovigo è in scena "la nuova arte" di fine '800, forse mai passata di moda. Ecco i simboli e le inquietudini della modernità, raccontata dai Secessionisti Anna de Fazio Siciliano 
 
I ribelli del Nord e i fiori del male
pubblicato

Quando l’esigenza di chiudere col passato diventa irrevocabile la decisione presa non può essere rimandata neppure dall’imminenza della guerra. Siamo nel nord Europa, tra Monaco, Vienna e Praga: mentre intorno soffiano venti bellici quattro giovani ribelli spazzano via secoli di tradizione con una rivolta che ha il sapore di una lotta. Ed è sfidando l’egemonia del potere delle Accademie che i ribelli vanno contro i dettami della cultura vigente e si battono contro il predominio delle cosiddette arti maggiori. Ma il percorso per arrivare a una rivincita e innovare concetti e tecniche pratiche è assai lungo e accidentato, se a Vienna ancora alla metà degli anni ‘90 dell'800 proprio la secessione locale non dà seguito all’idea di fare una mostra su Gauguin. Sono ancora tempi duri per i Secessionisti perché devono sopportare non solo le polemiche più accese dei critici ma far fronte anche a problemi più intestini. All’interno delle consorterie dei rivoltosi alcuni focolai remano contro ogni istanza di novità, e non sempre tutto fila liscio, numerosi sono i detrattori, anche se poi loro stessi diventeranno gli ammiratori più appassionati. Oltre a combattere contro i pregiudizi e le mode artistiche imperanti, sono proprio gli artisti e i pensatori più liberi, in un’epoca percorsa da forti inquietudini solo in parte mitigate da istituzioni o monarchie che a stento forniscono un’apparente stabilità, a prefigurare l’ecatombe mondiale. Nelle loro opere e negli scritti quella rottura, segno di un equilibrio precario tra gli Stati d’Europa, era già presente. Un’aria minacciosa incombe in opere significative come quelle che sono in mostra a Rovigo, sotto la curatela di Francesco Parisi. Di questi avversi presentimenti Lucifero o Medusa (un pastello del 1892) sono tra le opere più rappresentative. L’artista è Von Stuck la cui pericolosità rabdomantica, da vero preveggente instilla i primi dubbi, insinuando veleno tra i fiori. E dopo di lui (e dopo Baudelaire) verranno i fiori del male nella pittura: allora ecco Heine con i suoi Die Bluemen Bosen. E ancora Parsifal di Putz, un quadro che rappresenta le letali fanciulle-fiore di wagneriana memoria, o Maria di Strathmann, un’opera altamente decorativa con chiare influenze bizantine.

null
Gustav Klimt, Manifesto per la prima mostra della Secessione Viennese (26.03.1898-­‐20.06.1898), 1898, litografia a colori su carta © Klimt Foundation, Wien

Ma c’è ancora l’acquaforte di Jettmar Pescatori e Ondine con una lugubre ambientazione notturna e l’olio di Klimt Le sorelle un singolare doppio ritratto muliebre che assieme a Sommer di Moser simboleggia il potere sensuale da sempre attribuito alla donna, importante in un momento in cui Freud avanzava con i suoi studi sull’inconscio in relazione alla sfera sessuale. Tutta l’arte è in subbuglio poco prima del conflitto mondiale e subito dopo le scoperte della psicologia. Quando arrivano i Secessionisti  non fanno che continuare su questa scia e non possono che stravolgere regole e diktat imposti prima. Finalmente le arti minori o applicate e la decorazione avranno un posto accanto alla grande pittura e alla scultura. La spaccatura che si era aperta in seno alle Accademie delle città europee era stata anticipata o forse inaugurata dall’ampio clima di tolleranza e apertura dei Salon agli artisti stranieri. Forse questa sedimentazione è stata la causa scatenante che ha dato origine ai movimenti secessionisti. La mostra con numerosissimi prestiti, fa un resoconto lucido di questi fatti e presentimenti o atti coraggiosi che allo scadere del 19esimo e all’inizio del 20esimo secolo hanno cambiato lo status quo dell’arte. Tenendo anche conto di ciò che accadeva in Italia, l’esposizione accanto ai grandi nomi dei secessionisti stranieri come, appunto, Klimt, Vachal, Moser e lo scultore Klinger, ha esibito anche grandi figure di italiani come Casorati, Ferrazzi e Innocenti.

Anna de Fazio Siciliano

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Anna de Fazio Siciliano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram