Inside Zang Tumb Tuuum. La mostra di Germano Celant da Fondazione Prada, racconta l’Italia... 3070 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/10/2018
Luca Guadagnino ha progettato il nuovo negozio Aesop a Roma
22/10/2018
La comunità è una domanda. Rispondono gli studenti di Brera con una mostra
22/10/2018
Antiche questioni di identità. Il codice Maimonide in esposizione a Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Inside Zang Tumb Tuuum. La mostra di Germano Celant da Fondazione Prada, racconta l’Italia che fu

   
   
 
Inside Zang Tumb Tuuum. La mostra di Germano Celant da Fondazione Prada, racconta l’Italia che fu
pubblicato

Cosa c’era tra lo Zang e il Tumb Tumb? Cosa stava succedendo, in Italia, in quel periodo di tempo compreso tra il primo e il secondo dopoguerra? Quel mondo che oggi ci appare in bianco e nero, irrigidito nella tragicità degli eventi, tornerà ad animarsi, prenderà forma e colore in "Post Zang Tumb Tuuum. Art Life Politics: Italia 1918-1943”, la mostra a cura di Germano Celant che riprende il nome corretto del famosissimo componimento marinettiano e aprirà l’anno espositivo della Fondazione Prada, il 18 febbraio. 
Un fitto percorso di 500 lavori, tra dipinti, sculture, disegni, fotografie, manifesti, arredi, progetti e modelli architettonici, realizzati da più di 100 autori, che si snoderà tra galleria Sud, Deposito, galleria Nord e Podium e verrà scandito da approfondimenti dedicati alle figure intellettuali e politiche del tempo, come Giuseppe Bottai, Antonio Gramsci, Alberto Moravia e Margherita Sarfatti. Ovviamente, il giusto risalto sarà dato alle grandi opere degli artisti, da Fortunato Depero a Giorgio Morandi, da Fausto Melotti a Carlo Carrà, da Mario Sironi ad Adolfo Wildt, attraverso una ricognizione di storiche esposizioni personali e collettive, tra le quali la Biennale del 1926, dove i futuristi esposero per la prima volta, e la mostra inaugurale della Quadriennale di Roma, del 1931. Lungo questo itinerario immersivo, ideato dallo studio 2x4 di New York in dialogo con il curatore e ritmato da venti ricostruzioni parziali di sale espositive pubbliche e private, scorreranno le poetiche del Futurismo, di Valori Plastici, di Novecento, della Scuola Romana, di tutti quei movimenti artistici che hanno descritto non solo l’Italia ma la temperie di una intera epoca.

In alto: Filippo Tommaso Marinetti nella sua casa (da "Wiener Illustrierte Zeitung" e "Berliner Illustrierte Zeitung", 1934) con sullo sfondo "Dinamismo di un footballer" di Umberto Boccioni, 1913. Ullstein Bild / Archivi Alinari © 2017. Digital Image, The Museum of Modern Art, New York / Scala, Firenze
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico