Fino al 14.I.2018 - A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat generation, ribellion, poesia - Mu... 3089 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/05/2018
Parte la campagna per finanziare il documentario dedicato alla Signora Ceppo di Twin Peaks
25/05/2018
L'ex produttore Harvey Weinstein si è consegnato alla Polizia di New York
25/05/2018
Online su Google, il museo digitale dedicato a Frida Kahlo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 14.I.2018
A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat generation, ribellion, poesia
Museo di Santa Giulia, Brescia

   
  mario finazzi 
 
Fino al 14.I.2018 - A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat generation, ribellion, poesia - Museo di Santa Giulia, Brescia
pubblicato

Allestire una mostra su un intellettuale, editore, scrittore, poeta, viaggiatore – di certo non un artista di grande richiamo mediatico – è una scelta coraggiosa. Ancor più se si tratta della vita e del lavoro di Lawrence Ferlinghetti, personaggio estremamente poliedrico e complesso che ebbe un ruolo fondamentale nella Beat Generation. Attraverso la libreria e casa editrice City Lights Bookstore, fondata nel 1953 a San Francisco, pubblicò opere beat fondamentali come Howl di Allen Ginsberg (che gli costò un arresto per oscenità), diventando presto un punto di riferimento per la San Francisco Renaissance e per tutta la scena Beat americana.
Il rischio era di realizzare una trappola di noia mortale, un faticoso labirinto dipanato tra pagine e memorabilia, e invece la mostra al Museo di Santa Giulia a Brescia, curata da Luigi Di Corato, Giada Diano e Melania Gazzotti, scorre leggera e colorata come un fraseggio di jazz, ricostruendo diverse fasi della vita e opera del poeta attraverso le sue passioni: la letteratura, l’avventura editoriale, l’attivismo politico e i viaggi, l’arte, contesti tanto diversi quanto intrecciati intimamente l’un l’altro.
Un puzzle Ferlinghetti i cui singoli pezzi possono essere la sua prima raccolta di poesie A Coney Island of the Mind, oppure la prima traduzione americana di Pasolini nel 1986, Roman Poems; o anche le memorie dei viaggi – spesso puntualmente effettuati nei luoghi e nei momenti del cambiamento, per caso o volontà: la battaglia di Normandia, la Berlino della guerra fredda, la Nagasaki post-atomica, la Cuba di Fidel, o la Russia della dissoluzione post-muro; per non parlare  degli appunti, dei quadri e dei disegni, delle apparizioni televisive, tutto documentato con abbondanza di opere, filmati, documenti originali.

null
Lawrence Ferlinghetti a Ellis Island

Molto interessante per noi è l’attenzione alle avventure italiane di Ferlinghetti che, di origine bresciana, è stato sempre legato a filo doppio a questa città, e all’Italia.
Alcune zone della mostra sono deputate alla contestualizzazione, con letture di brani letterari e poesie d’epoca, approfondimenti sull’ambiente musicale e sul gusto del tempo, un focus sulla beat generation e sui suoi protagonisti.
Scriveva Ferlinghetti in un suo diario: « Volevo essere un pittore, ma dall’età di dieci anni in poi, queste dannate poesie hanno cominciato a spuntare. Forse uno di questi giorni mi lasceranno solo e potrò tornare a dipingere ». E così il suo ritratto non poteva essere completo senza una visione d’insieme sulla sua ricerca pittorica, perlopiù figurativa, non scevra di alcune ingenuità perdonabilissime a chi aveva fatto della letteratura la sua via maestra. Il suo stile si forma nella Parigi del dopoguerra, nei locali della famosa Académie Julian e della Académie de la Grande Chaumière, e si aggiorna poi sulla action painting della west coast, caratterizzando sia i veloci disegni figurativi a carboncino e acrilico, alcuni dei quali – come Angel descending del 1980 – utilizzati come copertine delle sue raccolte di poesie, sia i dipinti più elaborati. Accenti più accesi e violenti, spesso associati a testi, contraddistinguono le opere più politiche e di contestazione.
Nota a parte merita l’utilizzo per questa mostra del preziosissimo archivio di Fernanda Pivano, grande mediatrice in Italia della letteratura beat americana, dal quale provengono molte prime edizioni e vari materiali, non ultime le bellissime fotografie che il marito Ettore Sottsass, designer visionario, scatta a lei e a Ferlinghetti.

Mario Finazzi
Mostra visitata il 3 gennaio

Dal 7 ottobre 2017 al 14 gennaio 2018
A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat generation, ribellion, poesia
Museo di Santa Giulia, 
Via dei Musei, 81/b, Brescia
Orari: da martedì a domenica dalle 9:00 alle 18:00, giovedì estensione fino alla 22:00
Info: Tel. 030 2977833-4, santagiulia@bresciamusei.com

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di mario finazzi
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram