Interno domestico. E problematico 3146 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Interno domestico. E problematico

   
 Alla Fondazione Sandretto Sanya Kantarovsky. Raccontando e denunciando i disvalori e il declino dell’Unione Sovietica, attraverso la pittura dell'architettura popolare  Carla Ingrasciotta 
 
Interno domestico. E problematico
pubblicato

"Letdown” è una delle numerose mostre che hanno inaugurato durante la frequentatissima art week torinese, la settimana dell’arte che si svolge a novembre e che coinvolge, attorno all’evento centrale della città, Artissima, il vasto circuito di istituzioni, musei, fondazioni e gallerie di Torino.
Accanto a questa personale su Sanya Kantarovsky (Mosca, 1982), la Fondazione Sandretto ha proposto anche un’altra importante mostra realizzata in collaborazione con OGR-Officine Grandi Riparazioni, dal titolo "Come una falena alla fiamma” (Like a Moth to a Flame), un imponente progetto espositivo curato da Tom Eccles, Mark Rappolt e Liam Gillick e che mette in scena opere e oggetti che la città stessa e i suoi residenti hanno da sempre collezionato.
Ma alla Fondazione Sandretto, Kantarovsky (fino al prossimo 25 febbraio) è il vero protagonista. Una mostra asciutta ma potente, poche ma grandi tele dipinte occupano a tutto tondo le pareti della sala espositiva in un sincero dialogo tra le architetture dello spazio e quelle descritte nei dipinti. Queste ultime sono la raffigurazione delle decadenti case popolari della città di Khrushchyovka. Una realtà di cui Sanya testimonia l’emergenza abitativa e la conseguente frettolosità con cui il governo cercò di riparare con il risultato di case poco sicure e in stato pericolante. 

null
Installation view, Letdown, 2017 Fondazione Sandretto Re Rebaudengo

A corredo di questo dialogo tra opere e architettura, un gruppo di tartarughe d’acciaio, le cherepashki, accentuano l’impressione di trovarsi in un contesto cittadino, in uno spazio aperto dove i quadri, come finestre aperte, permettono allo spettatore, in maniera quasi voyeuristica, di scoprire scomode verità domestiche.
Le origini russe del giovane artista si colgono subito osservando le opere esposte: imponenti soggetti figurativi dai toni freddi, a evocazione di un clima, di uno stato interiore angoscioso e sofferente. Sanya è nato a Mosca nel 1982 ed emigrato negli Stati Uniti da bambino, e nelle sue pitture emerge il ricordo di una realtà ormai lontana ma di cui sono vividi, come i colori con cui li descrive, i disvalori, le problematiche e il declino dell’Unione Sovietica.
Ma nei dipinti, oltre agli edifici, ai contesti urbani e paesaggistici, emergono figure umane colte nella loro debolezza, quasi private della loro anima. Sono corpi contorti, deformi, sottomessi, vittime di esperienze dolorose e brutali.
L’opera di Sanya odora di denuncia politica e sociale, e lo si percepisce anche dalla tecnica con cui queste tele sono lavorate. Strati di vernice applicati, cancellati o raschiati, e nella cui materica composizione si discernono scene narrative popolate da figure isolate e sinuose. Nella sua maniera, c’è il brivido e il terrore di un ricordo infantile come l’esigenza e il turbamento di volerlo liberare, di sviscerarlo e tramutarlo in presenza artistica.

Carla Ingrasciotta 

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Carla Ingrasciotta
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram