Binge Watching | Mindhunter 3117 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/10/2018
Maratona Yoko Ono. Rassegna di film e cortometraggi allo Studio Stefania Miscetti
22/10/2018
Luca Guadagnino ha progettato il nuovo negozio Aesop a Roma
22/10/2018
La comunità è una domanda. Rispondono gli studenti di Brera con una mostra
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Binge Watching | Mindhunter

   
 “Mindhunter”. Dimmi come uccidi e ti dirò chi sei
di Gabriele Toralbo
 Gabriele Toralbo 
 
Binge Watching | Mindhunter
pubblicato

Una serie tv, tratta dall’opera saggistica di uno psicologo. Noioso? No, se lo psicologo in questione è John E. Duglas. Il nome non vi dice niente? Per il momento sappiate solo che fu il primo a introdurre lo studio sistemico della psicologia criminale, per indagini su omicidi efferati e sequenziali. Se volete saperne di più, allora siete pronti per vedere Mindhunter. 
In questa serie, un giovane istruttore di reclute, Holden Ford, alter ego dello stesso Duglas e interpretato da Jonathan Groff, frustrato e demotivato ma sostenuto dal più anziano e disincantato Bill Tench-Holt McCallany, segue intuizioni e ricerche personali sullo studio degli omicidi. Darà inizio alla famigerata Unità di Scienze Comportamentali dell'FBI. La storia è ambientata negli anni Settanta ed è coinvolgente assistere alla claudicante coniazione di termini quali "serial killer”, "profili comportamentali”, "assassini sistematici”, ormai tanto abusati in ogni prodotto di genere. Da qui è cominciato tutto e il processo di indagine va all'inverso: se, nelle trame classiche, dai profili si risale all'assassino, qui, invece, i due complessi protagonisti dovranno intervistare i più noti e sanguinosi assassini d'America già rinchiusi o in attesa di pena capitale, per fondare i propri studi, fugare i preconcetti. 
«Si nasce assassini o lo si diventa?» 

null
Mindhunter

Le interviste sono per dialoghi, interpretazione e ambientazione di altissimo livello, soprattutto quelle con lo stupratore pluriomicida Ed Camper, che non è valsa a Cameron Britton la nomination come miglior attore ai Satellite Awards, scatenando polemiche su tutti i forum. Tra una pizza con Brudos, (stupratore feticista che conservava scarpe e piedi delle sue vittime) e una chiacchierata con Speck (che uccise otto infermiere nella stessa notte), i due aiutano le ingenue polizie locali a prendere assassini insospettabili, mettendo un po' di pepe alla vicenda e confermando l'efficacia dei loro studi. 
La storia potrebbe finire qui e, invece, l'occhio di David Fincher, che non ha girato tutti gli episodi ma è di fatto il Regista, ci accompagna a scrutare la vita intima e privata dei protagonisti, ci presenta le loro pulsioni, le nevrosi dovute ai rapporti coniugali e sociali, il dubbio sul limite tra piacere sessuale e depravazione, tra colpevole e vittima, giusto e sbagliato. Fincher è un regista geniale e visionario, un maestro del genere, come per Zodiac o per il più fortunato Seven, e qui può abbondare coi campi lunghi e i primi piani ostinati, per produrre un lungo film di dieci episodi dove il correre dei tempi è raccontato dalle musiche dei Toto, di David Bowie, dei Talkings Heads, dei Led Zeppelin, una soundtrack tanto apprezzata da diventare anche una fortunata playlist su Spotify, al punto che ci viene voglia di vedere le puntate tutte di filato. Sì, è consigliata la marathon. 
Non stupisce che, ancora prima del debutto ufficiale, Netflix avesse già firmato per la seconda stagione, mentre lo stesso Fincher ne ha annunciate cinque. 
Sedetevi comodi, quindi, e lasciatevi guardare nella testa. 

Gabriele Toralbo

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Gabriele Toralbo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram