Arte o porno - su Facebook 3122 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Arte o porno
su Facebook

   
 Continua la battaglia per "L'origine del Mondo" di Courbet, con una convinzione: che facebook non abbia ancora chiaro dove finisce l'arte e inizia il pornografico, e viceversa  
 
Arte o porno - su Facebook
pubblicato

La questione del potere di Facebook di limitare la libertà di espressione degli utenti è al centro di una battaglia legale che ormai dura da un anno e che venerdì è passata ora a un tribunale di Parigi. La storia? Nel 2011, una insegnante francese ha citato in giudizio il social media per aver chiuso il suo account dopo la pubblicazione di una fotografia del dipinto del 1866 di Gustave Courbet L'origine del mondo, la celeberrima rappresentazione realistica dei genitali di una donna.
La querelante, la maestra elementare Frédéric Durand-Baïssas, ha chiesto anche 20mila euro di risarcimento danni, per la perdita di centinaia di "amici" e di post precedenti.
Gli avvocati della difesa hanno sostenuto però che il querelante non aveva fornito prove che la chiusura dell'account era legato al dipinto, mentre Stéphane Cottineau, avvocato di Durand-Baïssas, ha affermato che la società "sta evitando qualsiasi dibattito sulla libertà di espressione e censura utilizzando cavilli legali".
Questo è il punto: ancora una volta siamo di fronte a un caso dove non c'è nessuna "violazione" di libertà di parola o espressione, mentre FB si è appellata al fatto che l'account dell'insegnante era uno pseudonimo, che la causa andava fatto contro l'host web francese del social network e così via. 
Ad ogni modo, nel 2015, Facebook ha cambiato la sua politica sulla nudità (declinando di dichiarare se fosse collegata a questa causa) e gli standard ora dicono: "Permettiamo anche fotografie di dipinti, sculture e altre opere d'arte che raffigurano figure nude". Dove inizia l'arte e dove finisce la pornografia? Facebook si rifiuta di avere - ancora - idee chiare in merito. Intanto la sentenza del tribunale è prevista per il 15 marzo.

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram