Teatro | Otello 3106 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/05/2018
Parte la campagna per finanziare il documentario dedicato alla Signora Ceppo di Twin Peaks
25/05/2018
L'ex produttore Harvey Weinstein si è consegnato alla Polizia di New York
25/05/2018
Online su Google, il museo digitale dedicato a Frida Kahlo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Teatro | Otello

   
 Un Otello tragi-comico ma molto attuale
di Alessio Crisantemi
 alessio crisantemi 
 
Teatro | Otello
pubblicato

Che si tratti di un'opera d'arte, non ci sono dubbi. Le opinioni, semmai, subentrano tra chi la preferisce nella classica tragedia teatrale, e chi la adora nella sua interpretazione melodrammatica e musicale, a cura di una maestro come Giuseppe Verdi. In pochi, però, potevano immaginare di poterla apprezzare in chiave semi-comica. A proporla – in modo efficace - in questa insolita versione è l'istrionica Marina Massironi, che riporta l'Otello in teatro, in giro per l'Italia, ma a modo suo: narrando la fosca vicenda del Moro di Venezia, attraverso una divertente cavalcata fra passioni e intrighi del Cinquecento e dell’Ottocento, dove sfodera tutto il suo talento, mettendo anche in mostra le facoltà vocali e non solo quelle attoriali. Ma l'opera, nel tramutarsi in un racconto tragi-comico, propone una serie di inaspettate e pungenti irruzioni nella stretta attualità. Toccando temi di estremo interesse e serietà, come quello del femminicidio, dell'immigrazione o del razzismo. In una performance di un’ora e mezza circa, tra parole, musica, risate e pensieri per capire che alla domanda "Ma che razza di Otello?”, esiste una sola risposta, ovvero quella di Albert Einstein: "Razza: umana”.

null
Ma che razza di Otello? con Marina Massironi

Uno spettacolo basato sulla narrazione, con testi a cura di Lia Celi, che si inserisce nel lungo filone di riscritture che hanno da sempre caratterizzato e rinnovato nel tempo le opere di Shakespeare. Solo che qui, grazie alla narrazione ironica ma fondata sulla storia reale della composizione verdiana (partendo dai modelli di Giraldi Cinthio e Shakespeare), il gioco della rivisitazione mette in campo un inedito punto di vista al femminile rispetto alle eroine del melodramma e divertenti cortocircuiti con l’attualità. Con un sapiente adattamento musicale che ripropone arie, recitativi e fantasie di temi, arrangiate da Augusto Vismara, con un trio di musicisti che evoca i colori dell’orchestra. Il risultato, è uno spettacolo piacevole: merito anche del lavoro di regia che riesce a valorizzare il dialogo tra i diversi ingredienti espressivi, quelli musicali e quelli messi in campo dal testo: tra notizie storiche curiose, spunti d’attualità, riflessioni sulle dinamiche umane di cui il triangolo Otello-Iago-Desdemona si fa emblema, e che un’attrice dalla grazia sensibile come Marina Massironi restituisce al pubblico con umorismo sottile e spiazzante.

Alessio Crisantemi

Ma che razza di Otello?
con: Marina Massironi
Regia di Massimo Navone
Testi di Lia Celi
Musiche di Augusto Vismara (al violino) con Fabio Battistelli (al Clarinetto) e Neruda (al pianoforte).
una produzione: mdspettacoli 
Ultima data: 14 aprile 2018 SOGLIANO (RN)

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di alessio crisantemi
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram