Come rinasce uno spazio? A Villa Pallavicini di Milano, il talk sull’arte che illumina 3090 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/04/2019
Il Whitney Museum di New York mette online le risorse sulla sua biennale
20/04/2019
Le squadre della Eredivisie giocano a calcio con Rembrandt
19/04/2019
Whisky e arte a go go, nella nuova distilleria di Bob Dylan
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Come rinasce uno spazio? A Villa Pallavicini di Milano, il talk sull’arte che illumina

   
   
 
Come rinasce uno spazio? A Villa Pallavicini di Milano, il talk sull’arte che illumina
pubblicato

In fondo basta poco per trasformare un luogo abbandonato in uno spazio vitale o almeno accogliente, giusto un po’ di luce. E non in senso retorico ma come azione concreta, come potremo vedere in occasione di "Luce. Pratiche che rivelano luoghi e relazioni”, un’iniziativa di Non Riservato, curata e moderata da Gabi Scardi, co-curata da Nicola Ciancio e nell’ambito di Lacittàintorno, programma triennale di rigenerazione urbana di Fondazione Cariplo. A Villa Pallavicini, Milano, il 22 febbraio, dalle 17, si terrà una tavola rotonda aperta al pubblico e agli operatori di settore, seguita da un talk con un nutrito gruppo di artisti, critici, curatori, architetti e ricercatori: Nicholas Anastasopoulos, Bianco-Valente, Borderlight, The Brick Box, Pietro Gaglianò, Jacopo Lareno Faccini, Rossella Moratto, Maria Papadimitriou. Gli ospiti racconteranno le loro esperienze, spesso in confronto con quelle aree geografiche e di pensiero identificate come marginali, un termine che non dovrebbe essere interpretato così tanto alla lettera, visto che si tratta di questioni estremamente urgenti.
Partendo dall’esperienza del collettivo Borderlight, che ha individuato otto luoghi di Milano in cui portare la luce con moduli luminosi appositamente progettati, conosceremo l’energia vibrante del gruppo inglese The Brick Box, capace trasformare luoghi negletti in inusuali spazi di aggregazione e sviluppo. Maria Papadimitriou, che abbiamo visto al Padiglione Grecia della 56ma Biennale di Venezia, ci parlerà del suo approccio multimediale, tra scultura pubblica e interventi di connessione sociale, come per Souzy Tros Art Canteen, progetto di mensa-forum comunitario all’interno di un edificio industriale abbandonato, sull’idea dello spazio comune delle vecchie case greche, il cui cortile era lo spazio della condivisione. Nicholas Anastasopoulos invece riporterà la notizia dell’inquietante progetto di trasformazione del parco archeologico istituito sul sito dove Platone fondò la sua scuola filosofica, in un centro commerciale. Come si chiamerà questo abominio? Platone’s Garden. Quasi più grottesco che preoccupante. Da Atene si ritorna in Italia, con Bianco-Valente che ci racconteranno dei loro progetti di arte pubblica e di residenze, come Art in transit, a Potenza, e A cielo Aperto, a Latronico. Oltre alle pratiche artistiche, si parlerà anche di approcci curatoriali, con Pietro Gaglianò che ci descriverà la sua ricerca sulle estetiche del potere e sulle capacità eversive del pensiero critico.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram