Fino al 7.IV.2018 - Camille Rose Garcìa, The Ballrooms of Mars - Dorothy Circus Gallery, ... 3056 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci vince l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
13/12/2018
Milano da bere? No, “Milano da Vinci”. Apre il concorso dedicato alla città di Leonardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 7.IV.2018
Camille Rose Garcìa, The Ballrooms of Mars
Dorothy Circus Gallery, Roma

   
  Valentina Muzi 
 
Fino al 7.IV.2018 - Camille Rose Garcìa, The Ballrooms of Mars - Dorothy Circus Gallery, Roma
pubblicato

A Roma, tra i sampietrini e il romantico Lungotevere troviamo la Dorothy Circus Gallery. Una galleria fuori dagli schemi in cui la direttrice Alexandra Mazzanti conduce un lavoro di ricerca innovativo, incentrato sull’arte figurativa e visionaria "Lowbrow”. Un movimento avanguardistico americano che utilizza toni umoristici, grotteschi e horror per esprimersi traendo ispirazione dal "fumetto underground”. Opere oniriche capaci di farci evadere dal mondo reale per catapultarci in una nuova dimensione regalandoci emozioni e riflessioni uniche. L’eco critico e di diffusione del movimento è la rivista "Juxtapoz- Art and Culture Magazine” fondata da Robert Williams nel ’94, ed è proprio lui che (volutamente) coniò il termine "Lowbrow”, nel febbraio del 2006, ribattezzando il movimento in chiara contrapposizione all’aggettivo "highbrow” che intende riferirsi ad una cultura elitaria, intellettuale. La Dorothy Circus Gallery compie il suo primo decennale e per festeggiare ha organizzato, nella sua sede a Londra, una collettiva composta da personalità variegate e stravaganti. A conclusione di questo speciale evento alcuni artisti della collettiva saranno protagonisti di una mostra organizzata nella sede di Roma. Ad aprire le danze è proprio Camille Rose Garcìa con la sua "The Ballroom of the Mars”.  

null
Camille Rose Garcia, Echo of the moon

Entrando nella galleria l’atmosfera cambia: le luci si abbassano, la musica dei Joy Division riempie l’intero spazio, le pareti rosse fanno da sfondo alle opere di Camille, immagini vivaci e spaziali incorniciate da sfumature psichedeliche tipicamente glam-rock ci conducono verso un’esperienza intergalattica. L’artista usa differenti linguaggi mixandoli con simboli e visioni affinché diano un quadro critico e diretto della realtà che intende denunciare. L’ispirazione proviene da "Ziggy Sturdust” di David Bowie usandolo come "archetipo” per i personaggi che vivono nella sua immaginazione "dai toni espliciti e forti come il punk, il rock (…) - come ci dirà la stessa Camille - e con la stessa vitalità dei spiriti messicani che esorcizzano la morte con canti e balli”, tradizioni alle quali è molto legata e affascinata. Le tecniche utilizzate per i suoi lavori sono diverse, tra queste quella che predilige è l’acquarello per la sua composizione di strati, in cui ogni colore e simbolo ha un valore e un significato emotivo concreto, nonché per la sua praticità. "Ogni artista - spiega la Alexandra Mazzanti - ha il suo stile, la sua storia e le sue opinioni che esprime attraverso mondi fantastici e non esplorati se non attraverso la fantasia e l’inconscio. Un lavoro che porta l’artista ad una continua ricerca intima tra il proprio io e l’io bambino riscoprendone le emozioni, i lati creativi e "indomabili” utili nella realizzazione delle opere”. La gallerista ci sottolinea quanto lo stile avanguardistico di questo movimento sia importante al fine di conferirci una nuova chiave di lettura utile a prendere consapevolezza delle dinamiche socioculturali odierne. La Mazzanti, che proviene da genitori collezionisti di arte italiana e francese del Sette e Ottocento, attesta che questa modalità di resa fiabesca, e a volte macabra, di questo particolare stile artistico sia il fil-rouge che lega il nostro background figurativo e quello contemporaneo.

Valentina Muzi 
Mostra visitata il 24 Febbraio 

Dal 24 febbraio al 7 aprile 2018
Camille Rose Garcìa The Ballrooms of Mars 
Dorohy Circus Gallery, Roma
Via dei Pettinari 76, 00186 Roma;
Orari:: Martedì dalle 10:30 alle 19:00, da mercoledì a venerdì dalle 11:30 alle 19:30, Sabato 11:30-20:00;
Info: 06/68805928; info@dorothycircusgallery.com;

 

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Valentina Muzi
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram