Hiroshige. Visioni dal Giappone 3070 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/09/2018
Annunciati i film italiani che se la giocheranno agli Oscar
18/09/2018
L’età dei vent’anni. Andrea Senoner vince la quarta edizione del Premio Cramum
17/09/2018
Appuntamento ai Giardini della Biennale. Lavazza restaura lo storico Caffè Paradiso
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Hiroshige. Visioni dal Giappone

   
 Si inaugura oggi a Roma, alle Scuderie del Quirinale, la retrospettiva dedicata a Utagawa Hiroshige, tra i più celebri artisti del Mondo Fluttuante (ukiyoe), un maestro capace di portare il paesaggio e la natura al centro della sua produzione, facendone i veri protagonisti  
 
Hiroshige. Visioni dal Giappone
pubblicato

È un dato di fatto che l’Oriente spopoli nei botteghini dei musei nostrani. I bomber di questo successo sono tre grandi maestri giapponesi, Katsushika Hokusai (1760-1849), Utagawa Hiroshige (1797-1858) e Kitagawa Utamaro (1753-1806). Che tra personali e collettive hanno attirato, su e giù per lo stivale, decine di migliaia di visitatori in una manciata di anni. Il fascino di questi autori di veri e propri "best seller” dell’arte è tale da avere stregato i più grandi impressionisti e post-impressionisti europei, fino alle più recenti generazioni di grafici contemporanei, che da quest’arte fluttuante è scaturita, dai disegnatori di manga e anime ai tatuatori, fino agli ideatori dei gadget più commerciali. «In queste immagini esotiche e lontane sono nascoste le radici di gran parte dei gusti e delle mode che oggi sposano le nostre tavole, le nostre case, le nostre letture, i nostri abiti fino a volte la nostra pelle – ha dichiarato tempo fa una vera autorità in materia, Rossella Menegazzo – Quel "Mondo Fluttuante” ce lo portiamo dietro da metà Ottocento, quando ci ha per la prima volta trasformato lo sguardo attraverso le opere dei nostri impressionisti, che a esso hanno guardato. E continuiamo a esserne attratti ancora oggi per la semplicità e l’impatto immediato e universale. Per la bellezza del colore, per il sentimento della natura che trasmettono – e, ha aggiunto la Menegazzo – Se vogliamo capire dove andiamo, dobbiamo anche capire da dove ci arrivano determinati stimoli e gusti».
Per questo vale sicuramente una visita anche la retrospettiva dedicata a Utagawa Hiroshige che si inaugura oggi (domani l’apertura al pubblico) a Roma, alle Scuderie del Quirinale, a cura della stessa Rossella Menegazzo con Sarah E. Thompson. Il celebre artista dallo sguardo del tutto peculiare che lo contraddistingue, definibile "fotografico” perché in grado di restituire dinamismo alle immagini grazie all’alternanza sapiente di pieni e vuoti e alla costruzione di piani sovrapposti, è presentato con una selezione di circa 230 opere appartenenti a prestigiose collezioni italiane, giapponesi e statunitensi. Protagonista indiscussa è la natura, nelle più note serie di vedute quali "Cento vedute della Capitale di Edo” e "Cinquantatre Stazioni di posta del Tokaido”, così come nelle silografie policrome abitate da un caleidoscopio di fiori, insetti e animali. (Cesare Biasini Selvaggi)

INFO
Opening: ore 18.30 (su invito)
Hiroshige. Visioni dal Giappone  
apertura al pubblico dal 1° marzo al 29 luglio 2018
Le Scuderie del Quirinale
via XXIV Maggio 16, Roma
orari: da domenica a giovedì dalle 10.00 alle 20.00; venerdì e sabato dalle 10.00 alle 22.30
Telefono: +39 06 81100256 – www.scuderiequirinale.it
biglietti: tutti i biglietti includono l’audioguida in italiano, inglese e francese
intero € 15,00
ridotto € 13,00
cortesia €2,00
ingresso gratuito fino ai 6 anni
biglietto Open € 20,00 + prevendita €2.50 (valido per un ingresso in qualunque giorno e orario)

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram