Fino al 7.III.2018 - Matteo Procaccioli, Structures - Dream Factory, Milano 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
24/09/2018
Gli studenti delle università milanesi sono amici della Triennale. In arrivo 500 tessere
24/09/2018
Japonisme mon amour. Tre antichi testi di disegni Nihonga online su Public Domain Review
24/09/2018
Sei racconti alla Casa delle Donne di Roma. Raffale Gavarro parla della differenza
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 7.III.2018
Matteo Procaccioli, Structures
Dream Factory, Milano

   
  Lucrezia Boso 
 
Fino al 7.III.2018 - Matteo Procaccioli, Structures - Dream Factory, Milano
pubblicato

Visitare la mostra "Structures" può per certi versi ricordare l’esperienza di immergersi in profondità nel mare: il tempo sembra sospeso, l’ambiente riconoscibile eppure estraneo, l’atmosfera fredda. I lavori di Matteo Procaccioli non riguardano però il mondo naturale, ma quello industriale. Filtrati attraverso la peculiare lente dell’artista, i paesaggi urbani sono infatti i protagonisti della mostra ‒ visitabile fino al 7 marzo 2018 ‒ curata da Angelo Crespi alla Dream Factory di Milano, in Corso Garibaldi 117.
La realtà urbana è oggetto di indagine ricorrente nelle opere di Matteo Procaccioli. Viene immortalata da prospettive diverse ‒ che vanno da riprese aeree a inquadrature frontali ‒ attraverso fotografie che sono poi sottoposte a un importante lavoro di post-produzione: le foto diventano quasi dei dipinti e si collocano così a metà strada tra registrazione del reale ed espressione soggettiva. Come suggerisce il curatore Angelo Crespi, da questo punto di vista le opere di Matteo Procaccioli non sono distanti dalla declinazione pittorialista della fotografia dei primi anni del ‘900. Ed è in questo che risiede la potenza delle opere di "Structures": le costruzioni abbandonate sono catturate attraverso uno sguardo che si vuole silenzioso, ma che proprio per questo diventa eloquente. 

null
Matteo Procaccioli, Structures

Grazie alla particolare luce sotto cui sono ritratti, gli edifici spogli e disabitati, i cantieri fantasma funzionano come detonatori per riflessioni sul tempo, sulla memoria e sulla condizione umana. Questi paesaggi urbani, in cui l’uomo non è mai fisicamente presente, si collocano in un tempo e in un luogo indefiniti ‒ rimandando per alcuni versi ai non-luoghi di Marc Augè ‒, si distinguono per colori freddi e metallici e per strutture reticolari e diventano una sorta di testimonianza. Le "strutture” urbane sono allora traccia dell’uomo, nonché indagine del rapporto tra naturale e artificiale, ponte tra passato, presente e futuro. Sollevano così questioni di stampo esistenzialista: ci spingono a interrogarci ‒ rievocando Heidegger ‒ su Essere e tempo o, più in generale, su cosa sia l’uomo, sul suo "posto” nel mondo, sul suo rapporto con lo spazio e con il tempo.
Le costruzioni abbandonate di Structures ci avvolgono come un unico ambiente che attraversiamo col fiato sospeso. Che siano percepiti come embrioni o, all’opposto, come carcasse di edifici ci proiettano in una dimensione surreale, in qualche modo fuori dal tempo e dallo spazio.

Lucrezia Boso
mostra visitata il 7 febbraio 2018

Dall’8 febbraio 2018 al 7 marzo 2018
STRUCTURES
Matteo Procaccioli
Dream Factory
Corso Garibaldi, 117 - Milano
Orari: lunedì – venerdì 10.00 – 19.00
Info: dreamfactory@dreamfactory.it, http://www.dreamfactory.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Lucrezia Boso
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram