Il senso di Tobias Zielony per il mascheramento 3122 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2018
Ad Amsterdam è stato recuperato un enorme murale di Keith Haring
25/06/2018
Narcissus Garden: l'installazione di Yayoi Kusama arriva a New York
25/06/2018
Una statua equestre dedicata a Nick Cave verrà costruita in Australia
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Il senso di Tobias Zielony per il mascheramento

   
 Si inaugura oggi a Milano, alla Galleria Lia Rumma, la personale “Maskirovka” di Tobias Zielony che indaga il tema del “mascheramento” nella scena underground, della techno e dei movimenti LGBTQI di Kiev, sullo sfondo dell’attuale crisi ucraina  
 
Il senso di Tobias Zielony per il mascheramento
pubblicato

Chissà se Tobias Zielony (1973), l’artista selezionato per il padiglione tedesco alla 56° Biennale di Venezia, da questo pomeriggio in mostra nella museale Galleria Lia Rumma di Milano, ha tenuto presente l’ammonimento senza tempo di Oscar Wilde: «La maschera ci dice più di un volto». Chissà se Tobias Zielony ha considerato come già la parola latina "persona” inglobasse, sancendo un congenito connubio tra uomo e maschera, il tema del mascheramento. Se anche non lo avesse fatto, poco importa, perché Zielony nella sua personale "Maskirovka”, che si inaugurerà questo pomeriggio, fa del mascheramento uno strumento di indagine privilegiato, ricercato, approfondito. Mascheramento nella scena underground, come nella techno e dei movimenti LGBTQI di Kiev, sullo sfondo dell’attuale crisi ucraina. L’artista tedesco presenta infatti, per la prima volta in Italia, il progetto, realizzato nel 2016-2017, incentrato sul motivo del mascheramento (letteralmente "Maskirovka”, appunto) stabilendo un parallelo tra la situazione politica e le storie personali raccontate dalle fotografie. "Maskirovka” indica, allo stesso tempo, il camuffamento delle forze speciali russe – "green men” – inviate in Crimea nel 2014, l’uso di maschere da parte dei manifestanti del Maidan, per nascondere la propria identità e proteggere il proprio volto dai gas lacrimogeni, ma è anche un momento significativo del rituale dei party, in un gioco di simulazioni e di scambi di identità.
Maschere, travestimenti, camuffamenti, diventano nella ricerca di Tobias Zielony una galleria di intriganti quanto inquietanti segni della semiologia di un’umanità contemporanea, il cui corpo è divenuto il supporto privilegiato di messaggi simbolici. Potenti, da approfondire. Non solo per comprendere una generazione e un tempo storico decisamente liquidi, ma anche per costruire un’adeguata visione politica a medio-lungo termine. (Cesare Biasini Selvaggi) 

In alto: Tobias Zielony, Velvet, 2016-2017 Archival pigment print 70x105 cm, Edition of 6, COPYRIGHT Tobias Zielony, Courtesy Galleria Lia Rumma Milano/Napoli
In homepage: Tobias Zielony, Cover, 2016-2017 Archival pigment print 84x56 cm, Edition of 6, COPYRIGHT Tobias Zielony, Courtesy Galleria Lia Rumma Milano/Napoli

INFO
Opening: ore 18.30 
TOBIAS ZIELONY. Maskirovka
Galleria Lia Rumma
via Stilicone 19, Milano
orari: dal martedì al sabato, ore 11.00-13.30 / 14.30-19.00
tel. +39 02 29000101- www.liarumma.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Manifesta 12 - Palermo - La guida con tutti gli eventi e non solo
trovamostre
@exibart on instagram