New York Art Week/3. Evviva la pittura, in un Armory Show preso d'assalto nonostante la to... 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/09/2018
Achille Funi e gli amici pittori di 'Novecento'
22/09/2018
Il fine settimana del Patrimonio. Sabato aperture serali a 1 euro in tutta Italia
21/09/2018
Babele e Stradivari. A Venezia, la Santa sede presenta una giornata di architettura e musica
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

New York Art Week/3. Evviva la pittura, in un Armory Show preso d'assalto nonostante la tormenta

   
   
 
New York Art Week/3. Evviva la pittura, in un Armory Show preso d'assalto nonostante la tormenta
pubblicato

Mentre la Grande Mela è avvolta in una vera e propria tormenta di neve apre le sue porte, ai Pier 92 e 94, una nuova edizione della fiera più storica della città: l'Armory Show.
E il meteo da catastrofe non ha scoraggiato nessuno, anzi: i corridoi sono pieni già dalle primissime ore di "vip", addetti ai lavori e volti noti dell'arte internazionale.
Un buon segno, per una fiera che è "fiera" nel vero senso della parola: offerta vastissima tra numero di partecipazioni e opere esposte, con un trend bello e buono che, in realtà, si riscontra ormai da parecchio. Quale? Chiamiamolo pure "trionfo della pittura".
Astratta, informale, figurativa, su tessuto, su fotografia, su tela, su tavola, in formato gigante e piccolo, monocroma, espressionista, mixando media o pura, purché si tratti di una superficie bidimensionale, e appesa.
I video scarseggiano, la fotografia pure, le installazioni sono poche e non sempre convincenti. E invece questa pittura sì, è buona davvero.
Ma andiamo per gradi: l'area migliore è quella dedicata alle gallerie con meno di dieci anni di attività, la sezione "Present", in fondo al Pier 94. Sono 26 e vengono dai quattro angoli del mondo: Cuba, Inghilterra, Perù, Francia, e portano con loro una ventata di freschezza. La migliore, senza dubbio, è Parafin di Londra, con una clamorosa parete di pittura, manco a farlo apposta, di Justin Mortimer, che porta il nome di "Hoax Series": fiori recisi su sfondi psichedelici, come di pellicole fotografiche bruciate, frame di celluloide bagnata nell'acido. Hanno dimensioni ridotte, e resocontano di still life con margherite o tulipani che assumo tratti coloratissimi e violenti (in home page).
Poco lontano, alla norvegese OSL Contemporary, un solo show dedicato alla pittrice e illustratrice Vanessa Baird. Classe 1963, la Baird, attraverso un segno graffiante, ci mostra la condizione del nostro mondo: violenza, pornografia, inquinamento in bella vista, coprendo tutte le pareti dello stand con un "tutto tondo" che ricorda l'immaginario di Bosch e le sue bestie e bestialità (sopra).
Tra gli stand migliori di questo calderone vanno segnalati sicuramente anche quello di Lelong (Parigi) con Alfredo Jaar e la documentazione del suo A logo for America (1987), Jaume Plensa e Gunter Forg; gli italiani di P420, in particolare per le splendide pitture su tela grezza di Helene Appel, che sceneggia un quotidiano banale che diviene astratto, in questo caso attraverso i ritratti di schiuma e sabbia; Regen di Los Angeles, con Glenn Ligon, una bella parete dedicata a Ryan Trecartin e Sue Williams; un bellissimo arazzo di Kiki Smith per Lorcan O'Neill, mentre alla Castillo di Miami i tessuti di Sanford Biggers. Nella sezione "Insight", al Pier 92, nota di merito invece a Richard Saltoun e alla selezione di opere di Li Yuan-Chia nell'allestimento curato da Paola Ugolini. Nato in Cina e per una serie di vicissitudini personali arrivato in Italia, amico di Lucio Fontana e fondatore del gruppo "Il Punto" con Dadamaino, Calderara e Azuma, di Yuan-Chia colpisce il percorso che parte da pitture di segno prettamente orientale alla bellezza e algidità di forme analitiche, minimali, dove il bianco gioca con il rosso in un alternarsi di sollecitazioni visive.
Chiudiamo, per ora, con due interventi curiosi e giocosi, due sfondamenti prospettici tra i cartongessi di Armory: il primo, da Pierogi, è una Pink Forest di Patrick Jacobs che con resina, plastica, legno, tessuto e neon, sembra quasi farci entrare in un diorama, mentre da Paul Kasmin Roxy Pain ci conduce in una Meeting Room con tanto di neon al soffitto. Spiazzante. Peccato che, in entrambi i casi, la percezione sia un poco quella del presepe. By the way, poteva andare peggio.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram