A Milano, quattro giorni di eventi per Digital Week. Spazio anche per l’Arte contemporanea 3082 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
24/09/2018
Gli studenti delle università milanesi sono amici della Triennale. In arrivo 500 tessere
24/09/2018
Japonisme mon amour. Tre antichi testi di disegni Nihonga online su Public Domain Review
24/09/2018
Sei racconti alla Casa delle Donne di Roma. Raffale Gavarro parla della differenza
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

A Milano, quattro giorni di eventi per Digital Week. Spazio anche per l’Arte contemporanea

   
   
 
A Milano, quattro giorni di eventi per Digital Week. Spazio anche per l’Arte contemporanea
pubblicato

400 eventi in 4 giorni: questi i numeri della prima edizione della Milano Digital Week, promossa dal Comune di Milano in collaborazione con Team per la trasformazione digitale. Una connessione tra università, centri di produzione del sapere, luoghi di formazione e di ricerca, aziende e associazioni, istituzioni, startup, nuovi attori della manifattura urbana e tante altre realtà. Dal 15 al 18 marzo, porte aperte a tutti i cittadini, tra mostre, curiosità, performance, spettacoli, workshop, corsi di formazione, laboratori, dibattiti e seminari. E c’è spazio anche per una riflessione sull’arte per contemporanea, protagonista nel talk a cura di Bed and Art – in collaborazione con BACO Arte Contemporanea e Venice Art Project – dal titolo Arte e digitale visioni per un futuro in atto.  che si terrà il 16 marzo, da MDM7, showroom nel cuore della città.
Protagonisti del confronto sono artisti, critici e imprenditori, nuove figure che hanno immaginato in anticipo una visione del digitale o che la stanno costruendo. Una rosa di operatori culturali, chiamati in causa per rispondere a questi interrogativi: quale futuro corre tra arte e digitale? Quali sviluppi possiamo immaginare? E quale esperienza raccogliamo a partire da questo binomio? 
Interverrano Stefano Roveda (Studio Azzurro), da tempo impegnato nella ricerca sul linguaggio multimediale e interattivo nel campo dell’arte contemporanea, grazie all’ideazione degli ambienti sensibili; l’artista Anita Sieff, autrice di EthicsTv, social network ante litteram ispirato al concetto beuysiano di scultura sociale; Edoardo Cimadori, ideatore di Venice Art Project, e project manager per l'Italia di Jan Fabre; Mauro Zanchi, storico dell'arte, critico e firma di Art E Dossier, che si soffermerà sul confronto tra la sacralità magica e la proiezione digitale; Andrea Mehanna, tra i primi imprenditori italiani nel settore dell’e-booking con le piattaforme HostelsClub e Flashbooking. Contestualmente al talk, tre artisti – Marco Andrighetto (Treviso, 1979), Michele Bubacco (Venezia, 1983) e Dario Molinaro (Foggia, 1985) – si confronteranno sul tema pittura e digitale, portando in mostra alcune opere. A moderare l’incontro ci sarà Marco Petricca, fondatore di Bed and Art Project e Bed and Art Edizioni, che edita SmartBook dedicati ai linguaggi e ai protagonisti del contemporaneo. 
Ingresso libero dalle 18 alle 22, prenotazione consigliata. (Chiara Vedovetto)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram