Sull’ufficio per il design a L.A. - Parla Christopher Hawthorne 3085 utenti online in questo momento
exibart.com
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Sull’ufficio per il design a L.A.
Parla Christopher Hawthorne

   
   
 
Sull’ufficio per il design a L.A. - Parla Christopher Hawthorne -
pubblicato

Il mese prossimo, Christopher Hawthorne, critico d'architettura del Los Angeles Times dal 2004, diventerà il primo chief design officer della città, una posizione offertagli dal sindaco Eric Garcetti. Il nuovo lavoro di Hawthorne sarà considerare come migliorare il design nella variante "pubblica” di LA, rispondere alle sue esigenze, ai suoi difetti e, ha spiegato in dettaglio, ai suoi abitanti. 
Hawthorne ha scritto che la città di Los Angeles è un'anomalia, in particolare quando è irragionevolmente paragonata a posti come New York. "Le persone tendono ad essere sconcertate", ha spiegato. "Questo tipo di città è cresciuta così grande - in termini economici, ambientali e fisici - che inizia ad estendersi oltre il nostro campo visivo". 
Hawthorne ha spiegato che il design nel settore pubblico di Los Angeles è difficile da affrontare. Los Angeles è complessa e tentacolare; molte comunità sono sottosviluppate e progetti di progettazione apparentemente vantaggiosi sono a volte richiami per nuovi dislocamenti. 
Come riformulare il nostro pensiero collettivo sul design e lo spazio pubblico? Hawthorne ha risposto a Monica Uszerowicz, di Hyperallergic.
Che cosa comporta il ruolo di Chief Design Officer? È nato da nuove domande? 
«È nato dal vero interesse del sindaco Eric Garcetti per l'architettura e il design e la sua determinazione a sfruttare i massicci investimenti che stiamo facendo in trasporti, negli alloggi e nei parchi per produrre spazi pubblici ben progettati, oltre a una migliore architettura civica. Vogliamo assicurarci che i nostri progetti siano efficienti, inclusivi e rappresentino il carattere e lo spirito di Los Angeles. Non siamo sempre stati fantastici a Los Angeles. Alcune delle nostre attività pubbliche in passato sono fallite in tutte e tre le categorie». 
Mi chiedo se impegnarsi con le critiche rendesse visibili i problemi che alla fine affronterai in questa nuova attività
«Essere un critico di architettura per un quotidiano in una grande città americana era davvero l'unico lavoro che avessi mai desiderato fare, quindi non mi aspettavo che avrei mai fatto un cambiamento come questo. Allo stesso tempo, negli ultimi anni ho insegnato, oltre a produrre programmi di arte e cultura per KCET-TV, e ho guidato eventi pubblici. Così ho avuto la possibilità di mettere alla prova una serie di idee sul futuro della città, anche se il mio lavoro di critico di architettura ha chiarito quali sono le questioni più urgenti per la Los Angeles contemporanea». 
Hai scritto che questo lavoro sarà sperimentale in termini di sensibilizzazione e iniziative pubbliche e ha menzionato le possibilità di concorsi di design. 
«Se le competizioni di progettazione sono ben progettate, possono essere un ottimo strumento. Troppi sono mal concepiti o sfruttati da giovani architetti e designer». 
Hai anche scritto, "In alcune aree ... il ruolo della città come mecenate dell'architettura è indiretto, basandosi sul potere della persuasione e su qualsiasi altra cosa. Anche la frammentazione che ha caratterizzato a lungo la struttura politica della California meridionale è stata evidente nel modo in cui produciamo la nostra architettura pubblica”. Puoi parlarmi di questa frammentazione e quali sono stati i suoi effetti? 
«Il potere a Los Angeles è diffuso, diffuso in una vasta regione e diviso in varie agenzie e attori a livello locale, cittadino, provinciale, statale e federale. Questo è un problema in tutte le città, ma è particolarmente acuto a Los Angeles. Allo stesso tempo, c'è la sensazione che, poiché così tanto sta cambiando, e il livello di investimento nel pubblico è così intenso, abbiamo bisogno di capire nuovi meccanismi per il pensiero collaborativo attraverso queste divisioni. Una nuova stazione della metropolitana leggera, ad esempio, è allo stesso tempo un'infrastruttura di transito, un'opera di architettura pubblica, una parte del regno pubblico e un'espressione dei nostri valori civici. Il suo design dovrebbe riflettere questa gamma di obblighi». 
La connessione tra nuovi investimenti nei quartieri e lo spostamento dei residenti di vecchia data della comunità che vi apparteneva è un problema a Los Angeles e altrove. Come può essere affrontato? 
«Abbiamo bisogno di nuove strategie per pensare a questi problemi. Il vecchio approccio paternalistico, ispirato a Robert Moses e dall'alto in basso, è obsoleto. Un obiettivo per il primo periodo del mio mandato è quello di studiare ciò che funziona, in termini di lavoro di progettazione, che aggiunge nuovi spazi pubblici ai quartieri senza consentire a quegli spazi di operare come motori o cavalli di Troia per lo spostamento. Negli ultimi trent'anni abbiamo sottovalutato gli alloggi di circa un milione di unità nella contea di Los Angeles, il che è una delle ragioni principali della crisi degli alloggi che ora affrontiamo».
Un modo più inclusivo per il design a Los Angeles? 
«Los Angeles può essere difficile da leggere. Non si adatta perfettamente agli schemi di ciò che pensiamo sia una città. Di conseguenza, il suo urbanesimo è profondamente frainteso. 
Dare forma a questo nuovo investimento infrastrutturale è necessario per capire cosa sia Los Angeles in primo luogo. Voglio anche che le persone si sentano parte della conversazione sul futuro della città. LA - a differenza, ad esempio, di Chicago o di San Francisco - non ha tradizionalmente avuto molte piattaforme per quel tipo di discussione. Voglio continuare ad aprirmi di più, sia in forma digitale che fisicamente al pubblico».



 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram