Una biennale in meno 3160 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
21/04/2018
Triennale di Milano. Presentati il nuovo direttore e i quattro curatori di settore
20/04/2018
La metropolitana di New York e Spotify omaggiano David Bowie, con i ticket da collezione
20/04/2018
L’Agenzia Spaziale Europea digitalizza 82mila manoscritti della Biblioteca Vaticana
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Una biennale in meno

   
   
 
Una biennale in meno
pubblicato

Dopo aver stretto una nuova partnership con il Musée d'Art Contemporain di Montreal (MAC) nel 2013, era sembrato che per la Biennale canadese qualcosa in meglio fosse cambiato.
Ora, in mezzo a debiti crescenti, l'ambizioso evento è stato ufficialmente archiviato per bancarotta.
La Biennale ha presentato istanza di insolvenza il 9 febbraio, secondo i documenti di Industry Canada. L'evento comporta un debito totale di circa 179mila dollari.
Il documento elenca 33 creditori, tra cui Sutton PR, che ha un debito di oltre 19mila dollari, e anche 2mila e 500 dollari di Adv su Artforum non sono stati pagati.
Roba piccola, che in Italia fa quasi ridere, ma che a nord degli USA cambiano le sorti di una manifestazione.
Ma a Montreal sono anni che le cose non vanno benissimo: sempre l'edizione 2013 fu rinviata di un anno a causa di una stretta di bilancio. Poi, l'estate scorsa, sei mesi dopo che l'edizione del 2016 era stata chiusa al pubblico, diverse agenzie di stampa hanno riferito che artisti e art handler non erano ancora stati pagati per il loro lavoro.
Il presidente della commissione Cédric Bisson ha riconosciuto che la posizione finanziaria della manifestazione era "precaria" e che la biennale avrebbe annullato la sua edizione 2018.
Dal 2016, la biennale non è stata in grado di creare il bilancio in pareggio necessario per produrre i suoi eventi. Jean-Christophe Hamel di Deloitte ha spiegato: "Il nostro ruolo ora è quello di passare attraverso tutti i libri contabili per scoprire le ragioni dell'insolvenza della biennale”. Successivamente, Hamel avrà il compito di distribuire i rimanenti attivi secondo i principi della legge canadese in materia di fallimento.

Fonte: artnet

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram