Che arte si fa, in Italia? Renato Barilli risponde con la sua edizione del Premio Michetti 3079 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/12/2018
Stranger Things, dalla serie tv al videogioco in 16-bit
18/12/2018
Oscar 2019: Dogman fuori dalle nomination come miglior film straniero
17/12/2018
Scoperta in Egitto la tomba di un alto sacerdote, perfettamente conservata dopo 4mila anni
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Che arte si fa, in Italia? Renato Barilli risponde con la sua edizione del Premio Michetti

   
   
 
Che arte si fa, in Italia? Renato Barilli risponde con la sua edizione del Premio Michetti
pubblicato

Che arte si fa, oggi, in Italia? Il Premio Michetti, che con quasi settanta anni alle spalle è il contest più longevo dalle nostre parti, lo chiede a Renato Barilli, autorevole voce critica più che esperta e dal piglio militante. Il premio che porta il nome del grande pittore di Francavilla a Mare e la cui prima edizione si svolse nel 1947, si è posto da sempre come un osservatorio particolarmente attento alla ricerca artistica emergente della Penisola e il fatto che, nella sua storia, abbia visto la partecipazione di artisti come Jannis Kounellis, Giulio Paolini e Gilberto Zorio, quando erano ancora giovani promesse, vorrà pur dire qualcosa. 
Per questa nuova edizione, che si terrà dal 14 luglio al 30 settembre, negli spazi del MuMI-Museo Michetti, a Francavilla al Mare, promossa dalla Fondazione Michetti, Barilli ha deciso di puntare la lente sulle ultime tendenze dell’arte contemporanea, seguendo una linea personale già iniziata nel 1992, quando curò la sua edizione del Premio portando artisti come, tra gli altri, Eva Marisaldi e Marco Airò. Ma alle novità il critico è sempre stato attento, dai postmoderni Nuovi-Nuovi, quando correvano gli anni ’80 e si trattava di Luigi Ontani, Salvo e Luigi Mainolfi, a Officina Italia 2 del 2011, fino alla Biennale Giovani 3 del 2015. 
Se, come ha più volte ribadito Barilli, la ricerca artistica è scandita da ritmi pendolari, ora la questione è documentare l’oscillazione tendente a una sensorialità più rinnovata che nuova, come interpretata dagli artisti che, fino a oggi, hanno confermato la propria partecipazione al Premio: Alex Bellan, Renzo Borella, Alvise Bittente, The Bounty Killers, Elena Brazzale, Lucilla Candeloro, Lorenzo Di Lucido, Elisabetta Di Maggio, Anna Galtarossa, Nicola Gobbetto, Elisa Ghioni, Paolo Gonzato, Andrea Grotto, Giorgio Guidi, Antonio Guiotto, Kensuke Koye, Federico Lanaro, Laurina Paperina, Lisa Lazzaretti, Marinangeli/Placucci, Cristiano Menchini, Matteo Montani, Emmanuele Panzarini, Chiara Pergola, Alessandro Roma, Giorgia Severi, Alberto Tadiello, T-Yong Chung, Adriano Valeri, Lucia Veronesi.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram