Biennale di Riga, - con un po’ di Italia 3119 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/10/2018
1502 ragioni per partecipare al Premio Giovani Artisti Emilia Romagna, appena aperto
23/10/2018
Maratona Yoko Ono. Rassegna di film e cortometraggi allo Studio Stefania Miscetti
22/10/2018
Luca Guadagnino ha progettato il nuovo negozio Aesop a Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Biennale di Riga,
con un po’ di Italia

   
 Annunciato tema e “lista” degli artisti partecipanti alla prima edizione di RIBOCA  
 
Biennale di Riga, - con un po’ di Italia
pubblicato

Si aprirà il prossimo 2 giugno, fino al 18 settembre 2018. Se siete nelle Repubbliche Baltiche un salto a Riga è d’obbligo, per la prima "Riga Biennale Internazionale d'Arte Contemporanea”, RIBOCA.
Intitolata "Everything Was Forever, Until It Was No More”, il capo curatore Katerina Gregos, è stata anche determinante nella creazione della biennale insieme al fondatore e commissario Agniya Mirgorodskaya. Veniamo ora agli artisti: saranno un totale di 99 tra cui 10 collettivi, e quasi un terzo dei partecipanti arriverà dagli stati baltici. 
Durante la biennale, 114 opere, tra cui 49 nuove commissioni, saranno esposte in nove diversi ambienti di Riga. Ci saranno anche 10 installazioni all'aperto e interventi site specific in varie località della città. Molti degli artisti partecipanti presenteranno più di un lavoro, apparendo in diversi dei luoghi, offrendo così un'opportunità per i visitatori di ottenere una visione più approfondita della loro pratica.
Sorpresa: tra i partecipanti c’è anche il giovane Danilo Correale (1982, di casa a New York) insieme a Adrián Villar Rojas, Emilija Škarnulytė (studi all’Accademia di Milano), Julian Rosefeldt, Michael Sailstorfer, Tobias Zielony, Trevor Paglen, tra gli altri.
Il titolo di questa prima edizione di RIBOCA, è stato preso in prestito dal libro scritto dall'autore russo Alexei Yurchak.
Il volume fa riferimento al paradosso di un improvviso ma atteso cambiamento sociale e politico che si è verificato nell'Unione Sovietica. La mostra vuole essere così una metafora dell'attuale momento di transizione accelerata in cui stiamo vivendo, riflettendo sul processo di cambiamento e su come questo viene registrato, anticipato, sperimentato, afferrato, assimilato e trattato nelle trasformazioni sociali. 


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram