Fino al 14.IV.2018 - Giulio Paolini Teoria delle apparenze. Opere 1969-2015 - Galleria Fu... 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
21/07/2018
Non cambiare canale. Tutte le pubblicità girate da David Lynch, su Youtube
21/07/2018
Marmo contemporaneo. Oggi la presentazione delle opere dei vincitori del Premio Henraux
20/07/2018
Niente riprese dentro il Colosseo per Beyoncé e Jay-Z. Il motivo? Alberto Angela
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 14.IV.2018
Giulio Paolini Teoria delle apparenze. Opere 1969-2015
Galleria Fumagalli, Milano

   
  jacqueline ceresoli 
 
Fino al 14.IV.2018 - Giulio Paolini Teoria delle apparenze. Opere 1969-2015 - Galleria Fumagalli, Milano
pubblicato

Cinquantasette anni di ricerca artistica di Giulio Paolini (Genova 1940), maestro concettuale  di fama internazionale che ha esordito nell’ambito dell’Arte Povera nel 1967, non sono riassumibili in un corpus raffinato di opere, ma  le dieci selezionate (dal 1969 al 2015) da Angela Madesani e Annamaria Maggi, curatrici della sua mostra antologica  intitolata "Teoria delle apparenze” nella Galleria Fumagalli, riescono  nell’obiettivo di mettere in discussione l’arte e i suoi strumenti di comunicazione, agendo sull’analisi dello spazio visivo in rapporto alla percezione e a elementi della pratica pittorica e della storia dell’arte. I lavori storici di Paolini raggiungono cifre record all’asta, sono riconoscibili le sue opere analitiche, autoriflessive ma non fredde o tautologiche come quelle dei maestri concettuali americani o anglosassoni, in quanto si fanno carico di nuove prospettive e poetiche complesse, cariche di citazioni del passato, senza essere nostalgiche. Paolini gioca con lo spettatore, intreccia filosofia ed estetica, lo imbriglia nelle sue installazioni metafisiche, sospese fuori dal tempo e in una specie di spazio, abitato dall’enigma. Disegno, foglio di carta bianca, stendardo di cotone, linea, cornice, tavolozza, cavalletto, pennelli, libri, eccetera e altri strumenti del fare arte diventano materia delle sue opere o installazioni in cui la frammentazione progressiva delle immagini e la ripetizione di elementi e strutture geometriche ricorrenti si risolvono  in combinazioni stilistiche sorprendenti  nella loro unicità strutturale. 

null
Giulio Paolini. Teoria delle apparenze. Opere 1969-2015. Veduta dell’installazione Galleria Fumagalli Milano. Ph. Antonio Maniscalco

Il suo "labirinto”  della visione presentato nella galleria milanese si apre  con  un ‘opera del 1969, l’anno  dello sbarco sulla luna ma anche della strage di piazza Fontana a Milano, dal titolo Quam  raptim ad sublima, uno stendardo in cotone  con la scritta in latino "Quanto prima  verso il sublime” ripresa da una incisione in caratteri di ottone nel pavimento marmoreo  del Museo del Vaticano, a Roma, appeso da un angolo e abbandonato in parte per terra, come riflessione melanconica su temi dell’ineffabilità della parola, un anelito romantico di tensione verso l’assoluto  del naufragio delle utopie all’alba del decennio delle contestazioni e "armato”. 
Il titolo di questa mostra è una citazione dell’opera La Teoria delle apparenze (1972), che tra le altre ammaglia lo sguardo dello spettatore con trame visive volutamente ambigue che sembrano dare solidità a una illusoria dimensione spaziale, in cui l’arte  riflette su se stessa  e la questione dello spazio diviene l’oggetto  d’investigazione filosofica di Paolini. Le sue opere sono macchine sceniche della rappresentazione, sipari di fughe prospettiche dell’arte pittorica senza la pittura. Più in generale un omaggio al saggio L’arte e lo spazio (1946) di Martin Heidegger, rievocato in particolare in un assemblaggio del 1983, L’arte e lo spazio, quattro illustrazioni per uno scritto di Martin Heidegger (4), composto da un libro posato su un calco di mano in gesso, le cui pagine bianche aperte trattengono frammenti di pietre di alcuni reperti antichi. Per il maestro degli inganni visivi dalle prospettive plurime, lo spazio è teatro, un campo strategico in cui diversi elementi presentano combinazioni geometriche in cui lo spazio reale e quello culturale dell’arte coincidono. Terra di nessuno (2013-14), è l’istallazione composta da un cavalletto, frammenti di disegno prospettico, una tela, adagiate come reperti di nessun tempo, da una teca di plexiglas come silente e malinconico sipario di riflessione sull’incognita di un futuro in attesa di rappresentazione pittorica, in bilico tra estetica, letteratura e poetica.

Jacqueline  Ceresoli 
Mostra visitata il 15 gennaio 

Dal 15 gennaio al 14 aprile 2018
Giulio Paolini  Teoria delle apparenze. Opere 1969-2015
Galleria Fumagalli 
via Bonaventura Cavalieri 6, Milano
Orari: da martedì a sabato dalle 11.00 alle 19.00
Info: info@galleriafumagalli.com www.galleriafumagalli.com 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di jacqueline ceresoli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram