Fino al 14.IV.2018 - Tomaž Plavec Gente Di Mare - Nuvole Arte Contemporanea, Montesarchio 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 14.IV.2018
Tomaž Plavec Gente Di Mare
Nuvole Arte Contemporanea, Montesarchio

   
  Vincenzo D’Argenio 
 
Fino al 14.IV.2018 - Tomaž Plavec Gente Di Mare - Nuvole Arte Contemporanea, Montesarchio
pubblicato

Tomaž Plavec (1972) è un artista sloveno che vive e lavora nella cittadina di Ptuju. Qualche tempo fa, grazie ad un comune amico artista, che aveva già lavorato con Nuvole, è cominciata la collaborazione con la galleria di Giovanni Sasso in provincia di Benevento che avrebbe portato alla personale "Gente di Mare”, a cura di Domenico Maria Papa. La mostra è un grande lavoro installativo e al tempo stesso scultoreo dal quale si evince un forte approccio artigianale e una certa sapienza nell’utilizzo dei materiali. All’ingresso si viene accolti da un primo lavoro che porta anche l’artista a presentare la propria cifra stilistica: una commistione di legno e alluminio (generato dalla modellazione di terre successivamente fuse), una riflessione sul tempo interiore a partire da un grosso pezzo di legno posizionato su tre piedi, lignei anch’essi, all’interno del quale l’artista posiziona un volto in alluminio, quello di un vecchio che pare ricordare una divinità, dalla quale pende un cuore dello stesso metallo ricoperto di foglia oro.

null
Tomaž Plavec, Gente Di Mare Nuvole Arte Contemporanea, Montesarchio

All’interno della sala principale ci accoglie l’installazione che dà il titolo al progetto. Il tutto è fortemente simbolico e prende ispirazioni dai quotidiani fatti di cronaca contemporanea. Due scheletri di piccole imbarcazioni tagliano diagonalmente lo spazio del white cube. La prima imbarcazione è caratterizzata da alcune reti da pescatore e sul fondo una logora bandiera degli USA a simboleggiare come lo strapotere economico continui a fare proselitismo. La seconda imbarcazione per quanto è scarna ricorda lo scheletro di un cetaceo, a ben vedere ci sono solo dei fili di viticci che sembrano ricordare del filo spinato ad unire idealmente i legni, a simboleggiare il retaggio agricolo ed in particolare vitivinicolo della slovenia che tanto ricorda anche quelle del nostro settentrione. Sul punto di fuga della stanza l’installazione acquisisce un senso ascensionale verso un mucchio di remi, tutti diversi tra loro e ricavati da differenti generi di piante, betulla, ciliegio, noce… La particolarità dei remi e che sono quasi tutti "decorati” da terminali in alluminio con un imprinting fortemente religioso e spirituale. Segni e simboli che guardando il lavoro nella sua totalità è impossibile non pensare a un dantesco Caronte. Lo psicopompo è però Plavec che, come sottolinea Papa, mette in campo "una sommessa lezione sulla storia e il destino della nostra Europa”.

Vincenzo D’Argenio
mostra visitata il 10 marzo

Dal 10 marzo 2018 al 14 aprile 2018
Tomaž Plavec, Gente Di Mare
Galleria Nuvole Arte Contemporanea
Via IV Novembre (I trav.) - 82016, Montesarchio (BN)
Orari: dal lunedì al sabato, 9-13 e 17-20
Info: nuvolearte@alice.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Vincenzo D’Argenio
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram