Milano Art Week/19. Da Bottegantica, post Africa di Marthine Tayou, tra magia e innovazione 3055 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/07/2018
Sergio Mattarella ospite speciale per la mostra dell'Istituto Garuzzo a Tbilisi
17/07/2018
La tua zona living floreale, con la carta da parati di Frida Kahlo
17/07/2018
Una immersione virtuale tra i beni archeologici sommersi del Mediterraneo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Milano Art Week/19. Da Bottegantica, post Africa di Marthine Tayou, tra magia e innovazione

   
   
 
Milano Art Week/19. Da Bottegantica, post Africa di Marthine Tayou, tra magia e innovazione
pubblicato

Pascale Marthine Tayou (Nkongsamba, Camerun 1966), tra gli artisti africani più noti e pupillo di Okwui Enwezor, che l’ha invitato ad esporre a Documenta 11, conquista Milano con le sue sculture policrome, realizzate con oggetti e materiali di scarto, dal valore "magico”, mixando cultura globale e folklore, all’insegna dell’ibridazione di codici diversi. "Fresh kiss” è il titolo della sua mostra esposta nella Galleria Bottegantica, in via Alessandro Manzoni, comprensiva di 20 opere realizzate per l’occasione, in dialogo con maestri come Boldini, Zandomeneghi, De Nittis, Balla e altri ancora. Da vedere! 
I suoi temi sono trasformazione, nomadismo, ricerca di identità. L’autore si firma Pascale, pseudonimo femminile come segno di personalità "aperta”. Tayou si definisce non un artista bensì ‹‹un creatore, un uomo che cammina, come un uccello in pieno volo che si posa di albero in albero, senza preoccuparsi della prossima tappa››.(Jacqueline Ceresoli

In home e in alto: Pascale Marthine Tayou. Courtesy of Galleria Bottegantica
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram