Fino al 28.IV.2018 - Miriam Austin, Andraste - Alma Zevi, Venezia 3112 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/12/2018
Stranger Things, dalla serie tv al videogioco in 16-bit
18/12/2018
Oscar 2019: Dogman fuori dalle nomination come miglior film straniero
17/12/2018
Scoperta in Egitto la tomba di un alto sacerdote, perfettamente conservata dopo 4mila anni
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 28.IV.2018
Miriam Austin, Andraste
Alma Zevi, Venezia

   
  Alice Ongaro Sartori 
 
Fino al 28.IV.2018 - Miriam Austin, Andraste - Alma Zevi, Venezia
pubblicato

Andraste è la dea celtica della guerra, invocata dalla regina britannica Baudicea mentre difendeva il suo popolo dagli invasori romani nel 61 d.C., e associata all’idea della battaglia vittoriosa. Una guerra dalle note soffici e delicate è quella della mostra della neozelandese Miriam Austin, inaugurata a Venezia il 9 Marzo presso gli spazi della galleria svizzera Alma Zevi. 
Di bellico ci sono una serie di sculture, dalle molteplici combinazioni, chiamate Tools, in ferro ed alluminio. Disposte a parete in successione quasi alfabetica, le sculture della Austin, dalle forme curve, affilate ma mai taglienti, sembrano citare antichi alfabeti ancestrali. A metà tra l’essere strumenti ortopedici ed oggetti venatori, i Tools sono anche il risultato di una performance collettiva passata. La domanda iniziale dell’esperimento corale è stata: "Potreste riuscire a creare la vostra religione e stabilirne dei codici?”. La risposta, seppur agnostica, è una percezione tra violenza e innocente bellezza.

null
Miriam Austin, Iken, 2018 Inkjet print on photographic paper and acetate 37.5 x 29 cm

Andraste include anche collage, stampati digitalmente su seta: Ritual for Sterile Seed e Lotus. Austin assembla, in maniera volutamente rudimentale, immagini provenienti da fonti diverse. Calici vuoti e privati del loro significato si intrecciano a rappresentazioni dei suoi stessi tools e a mani femminili sinuose che non riescono però ad afferrare alcunché. Il rituale e la magia si tuffano anche nell’utopia, nell’incompiuto, quando compaiono i disegni mai realizzati dell’architetto Étienne-Louis Boullée per il cenotafio di Isaac Newton, culmine della fisica e della filosofia naturale dell’età moderna. Dalla fisica seicentesca Austin pone in contrasto iconografie delle derive più oscure della genetica contemporanea. L’immagine del seme della Monsanto Company - multinazionale americana di biotecnologie agrarie che nel 1998 ha dato scandalo producendo un seme sterile poi distribuito su scala mondiale - crea una silente critica della guerra fatta dall’uomo alla natura, cercando di sottometterla attraverso le sperimentazioni genetiche. 
Lo sfondo di Ritual for Sterile Seed, apparentemente grossolano e cupo, continua un discorso sulla dominazione dell’uomo sulla natura, questa volta militare. La Austin utilizza fotografie satellitari delle Spratly Islands, un paradisiaco arcipelago nel Mar Cinese Meridionale che  dal 2007 è diventato una base militare attiva di Pechino. Una guerra in potenza, questa dell’età contemporanea, che non sfodera tangibili armi di difesa ma incline alla violenta supremazia tra gli stessi uomini, al contrario di Andraste, invocata dai celti per difendere i propri territori dall’attacco degli invasori romani. Una combinazione, quella della Austin, tra antichità ed età contemporanea, una dicotomia tra il macro e microscopico, in cui i collegamenti simbolici sono velatamente suggeriti e mai direttamente palesati. Una danza tra simboli che oscillano tra sacro e profano, tra territori occupati e minacciati, in un finale di vittoriosa grazia. 

Alice Ongaro Sartori
mostra visitata il 20 Marzo 

Dal 9 Marzo al 28 Aprile 2018 
Miriam Austin - Andraste 
Alma Zevi, 
San Marco 3357
Salizzada San Samuele, Venezia
Info: +39 041 5209197

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Alice Ongaro Sartori
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram